AL LUPO, AL LUPO!

Esopo

In un villaggio viveva un pastorello che, ogni giorno, portava le pecore a pascolare. Poiché si annoiava molto, decise di fare uno scherzo agli abitanti del villaggio.
“Al lupo! Al lupo!” cominciò a gridare. I contadini del villaggio accorsero con forconi e randelli, ma una volta nel prato non videro nessuno.
Il pastorello, rideva a crepapelle: “Era uno scherzo, e ci siete cascati tutti!”.
Il giorno dopo ripeté lo scherzo: i contadini arrivarono di corsa al prato ma si accorsero che si trattava di un altro scherzo del pastorello, che si era preso gioco di loro per la seconda volta.
Un giorno, all’improvviso, arrivò un intero branco di lupi. Il pastorello cominciò a gridare disperato: “Al lupo! Al lupo!”. I contadini, però, pensarono che si trattasse di uno scherzo e rimasero al loro posto. Così, i lupi fecero strage di pecore e agnelli senza che nessuno li disturbasse.

Chi mente o dà falsi allarmi, non è più creduto quando dice la verità.

FAVOLA DA STAMPARE

al lupo al lupo favola

Clicca qui per stampare questa versione illustrata (da colorare) della favola “Al lupo, al lupo!“.

IDEE DIDATTICHE

Questa favola si può proporre ai bambini della scuola primaria: come tutte le favole esopiche è composta da periodi brevi e molto chiari. Ecco alcune domande guida per la comprensione del testo:

  • Chi è il protagonista di questa favola?
  • Perché il pastore grida “Al lupo, al lupo!”?
  • Come reagiscono i contadini?
  • Cosa succede quando arriva il lupo?
  • Come finisce questa favola?
  • Qual è la morale della favola?

SCOPRI LE ALTRE FAVOLE

Scopri le nostre due raccolte dedicate ai favolisti più famosi di sempre:

O leggi direttamente qualcuna tra le favole più conosciute ed apprezzate:

Pin It on Pinterest