Una casa a misura di bambino: ispirazioni montessoriane ed eco friendly

Abbiamo frequentemente parlato su Portale Bambini delle attività educative ispirate al Metodo Montessori. Riteniamo utile a questo proposito approfondire nello specifico alcuni spunti su come favorire lo sviluppo dell’autonomia all’interno dell’ambiente domestico, coinvolgendo il bambino in modo naturale e divertente. Secondo Maria Montessori, anche la casa deve essere un luogo volto a favorire l’indipendenza dei bambini, attraverso l’esplorazione e la scoperta autonoma, proprio come avviene nelle altre attività montessoriane:



Dobbiamo offrire al bambino un ambiente che egli sia in grado di utilizzare da solo: una piccola panchetta-lavatoio, un cassettone con cassetti che può aprire, oggetti di uso comune che può manipolare, un piccolo letto in cui può dormire la notte sotto una bella coperta che può piegare e stendere senza aiuto. Dobbiamo fornirgli un ambiente in cui possa vivere e giocare; così lo vedremo lavorare tutto il giorno con le sue mani e aspettare con impazienza di spogliarsi da solo e sdraiarsi sul suo lettino.

M. Montessori 

Vi assicuriamo che non è necessario ribaltare tutta la casa! Per costruire spazi a misura di bambino basta organizzare gli oggetti che fanno parte delle routine quotidiane, mettendo alla sua portata quelli di semplice utilizzo e soprattutto quelli non pericolosi.

Ordine: prediligiamo il poco, ma buono

Anche se con i bambini in casa è molto difficile, l’ordine è fondamentale per rendere gli spazi facili da vivere e per consentire ai piccoli di muoversi in libertà.
E’ buona norma abituare i piccoli a mettere a posto i loro giochi autonomamente, rendendo l’operazione semplice con l’ausilio di mensole basse, panchette e scatole in cui possano riporre da soli giochi e oggetti di uso comune. E ricordate sempre di non esagerare: troppi giochi generano caos, non divertimento. Se ci siamo fatti prendere la mano, basta attuare periodicamente una sessione di decluttering, eliminando il superfluo con l’aiuto dei bambini, che verranno così responsabilizzati nella cura del loro ambiente.

arredobimbo2

Usiamo materiali naturali per rivestimenti e arredi

La cameretta rappresenta un ambiente versatile e “multiuso”, in cui tuttavia possono celarsi pericolose insidie, costituite dal cosiddetto inquinamento indoor. Solventi, colle, vernici e altri prodotti utilizzati nell’arredamento e nei rivestimenti possono rilasciare Composti Organici Volatili (VOC) e altre sostanze inquinanti e potenzialmente pericolose. E’ dunque preferibile usare materiali naturali, prediligendo legno per i mobili e cotone per tendaggi e cuscini. Prestate attenzione ai prodotti usati per rifiniture e decorazioni, utilizzando pitture atossiche al posto di smalti e vernici inquinanti Molti mobili e complementi d’arrendo contengono sostanze chimiche irritanti o addirittura cancerogene, a cominciare dalla formaldeide. A questo proposito vale la pena rivolgersi ai fornitori di mobili per bambini con certificazione ecologica, o perlomeno verificare la salubrità dei materiali utilizzati.

arredobimbo3

Proteggiamoli dall’inquinamento elettromagnetico

Non dimentichiamo un’altra forma di inquinamento, spesso più subdola. Si tratta dell’inquinamento elettromagnetico, che può essere ridotto evitando di collocare televisore, computer e altri dispositivi simili nella cameretta dei bambini. E’ inoltre possibile migliorare ulteriormente il comfort di bambini e ragazzi curando l’isolamento termico della stanza e installando se possibile, nuovi infissi con doppi vetri. In questo modo si ridurrà anche il ricorso all’aria condizionata d’estate e al riscaldamento in inverno.

Insegniamo il risparmio energetico

Insegnate prima possibile ai piccoli l’importanza del risparmio energetico, a partire dalla loro cameretta. Lampade a led o a basso consumo, evitando luci troppo fredde, sono il primo passo per rispettare l’ambiente. Magari ai piccoli sembrerà strano partire dalla cameretta, ma quale modo migliore che partire dal loro piccolo mondo per arrivare a proteggere un Pianeta?

arredobimbo4



Sviluppiamo l’autonomia, rispettando i gusti del bambino

Ultimo consiglio: non dimenticate mai, per quanto piccoli, di chiedere un parere ai bambini al momento di arredare la cameretta. Non si tratta solo di uno spazio per il gioco e per lo studio, ma di un ambiente che riflette personalità e i gusti del bambino. Anche i colori posso essere scelti insieme, con l’obiettivo di creare un’area dove il piccolo abbia davvero voglia di passare il suo tempo, di giocare in autonomia e, soprattutto, di crescere. Adesivi murali e stoffe possono decorare egregiamente pareti, armadi e soffitti. Sarà divertente sceglierli con il bambino e farsi aiutare nell’applicazione. A proposito di colori: ricordate che i bambini adorano le tonalità vivaci, ma che per conciliare il relax i toni migliori sono quelli del verde, del blu e dell’azzurro.

 

a cura di Alessia de Falco