Cinque libri da leggere nel 2018

Anche tu hai tra i buoni propositi per il 2018 qualche lettura in più di quest’anno? Leggere dovrebbe essere un piacere, ma anche un impegno quotidiano! In un mondo sempre più connesso, ricordarsi dei benefici della lettura e staccarsi qualche ora al giorno dal proprio smartphone è la chiave per la felicità e per la crescita personale.

In questo elenco abbiamo raccolto i testi che più ci hanno fatto riflettere quest’anno. A fronte delle nostre varie lettura (cerchiamo di leggere un libro ogni settimana, la sera) abbiamo selezionato 5 titoli da non perdere. Si tratta di un mix eterogeneo: un saggio divulgativo, un racconto per bambini, un breviario filosofico e due testi divulgativi teoria+pratica.

Per ciascun titolo troverai una breve recensione e i motivi per cui, a nostro avviso, vale la pena leggerlo.

5 LIBRI DA NON PERDERE PER IL 2018

ESSERE GENITORI NON È UN MESTIERE

di Alison Gopnik

…il nostro compito di genitori non è quello di produrre un particolare tipo di figli, bensì quello di garantire uno spazio protetto fatto di amore, sicurezza e stabilità nel quale possano prosperare molti imprevedibili tipi di figli.

A. Gopnik, Essere genitori non è un mestiere, Bollati Boringhieri

Il libro giusto per chi è stufo di sentirsi dire a che ora dovrebbero andare a dormire i bambini, cosa e quanto dovrebbero mangiare, con cosa si dovrebbe giocare e con cosa no.

L’autrice, Alison Gopnik, è una psicologa dello sviluppo di fama internazionale che, basandosi su un solido corpus di studi scientifici, mette in guardia i genitori: essere mamma o papà non è certo un mestiere; non esistono regole e metodi per crescere un figlio “fatto così”.

I bambini sono fantasiosi ed imprevedibili: esistono infiniti “tipi di bambino” e pensare di plasmarne una in particolare è assurdo, oltre che impossibile. Il meglio che possiamo fare è amare e proteggere i nostri piccoli. Un libro che sfata, con precisione scientifica, i dubbi e i sensi di colpa che ci affliggono: crescere un figlio secondo natura, senza rinunciare alla propria vita e senza diventare grandi esperti di questo o quel metodo non è sbagliato; al contrario, è la scelta migliore.

Perché leggerlo? Per rassicurarci: attraverso questa importante conferma scientifica, potremo riscoprirci genitori efficaci con poco.

IL PICCOLO LIBRO DELLA VERITÀ

di Harry G. Frankfurt

Chi ha detto che la verità non esiste e che su tutto si può discutere? Questo libricino (è davvero un libricino tascabile, che si può leggere comodamente in un paio d’ore) cerca di portarci nel mondo filosofico della verità. Non in modo complesso: al contrario, l’autore, ci introduce al concetto di verità attraverso esempi pratici e qualche bella riflessione letteraria.

Harry Frankfurt ci mette in guardia: la verità ha un limite, quello imposto dalla nostra intelligenza e dalla realtà. Conoscere la verità, per ciascuno di noi è fondamentale: serve nella vita di tutti i giorni, ma anche per definire i limiti della nostra identità. Ecco perché chi sostiene che la verità sia inutile, in fondo, dice una gran fesseria.

Un mini-saggio filosofico che ci richiama ad un sano pragmatismo, perché va bene riflettere, ma se la nostra visione non si traduce in qualcosa di concreto, in fondo, è meravigliosamente inutile.

Perché leggerlo? Per imparare a ragionare in modo concreto: riflettere è inutile se ci manca una solida visione e gli strumenti per concretizzarla.

LA ZUPPA DELL’ORCO

di Vincent Cuvellier

Un libro per bambini per introdurre i più piccoli al genere noir. Il testo, che è un esperimento coraggioso ma fortunato (ha vinto il Premio Andersen 2017 nella categoria 6-9 anni), racconta delle avventure e delle sventure di una piccola compagnia di fratelli e sorelle, alle prese con dei genitori mostruosi e l’orco sporco.

Ma cominciamo dalla trama, per sommi capi: due genitori malvagi e sfaccendati decidono di mutilare i propri figli, per far sì che possano raccattare più soldi attraverso l’elemosina; uno dei bambini, che aveva udito il piano diabolico la sera, escogiterà un inganno per salvare se stesso, le sorelle e i fratelli. Per salvare nasi, braccia e gambe, però, i ragazzi sono costretti alla fuga nel bosco, dove si imbattono nel terribile orco sporco. Come andrà a finire?

Qualcuno storcerà il naso (a dire la verità è già capitato quando lo abbiamo recensito sulla pagina Facebook) gridando allo scandalo e alla lettura immorale.

Secondo noi, al contrario, questo è uno dei pochissimi racconti per bambini da salvare in un panorama editoriale altrimenti agghiacciante. La prova? Noi l’abbiamo letto tutto d’un fiato, con i bimbi in silenzio tombale che lo reclamavano a gran voce.

Il testo è scorrevole, ricco di colpi di scena, di suspence e di humour: tre elementi che lo rendono una formidabile lettura per i più piccoli.

NOTA: non fa paura; o meglio: non fa così tanta paura da inquietare un bambino di 5 anni; semplicemente, la narrazione genera quella tensione e quell’aspettativa necessarie a leggere con piacere.

Perché leggerlo? Per ridere e avvicinare i piccoli alla lettura, ma anche per abbattere il pregiudizio che vuole le storie per i più piccoli “tutte zucchero e felicità”.

CREATIVITÀ E PENSIERO LATERALE: MANUALE DI PRATICA DELLA FANTASIA

di Edward De Bono

Voi come risolvete i problemi? Utilizzate un metodo logico-deduttivo? O siete dei creativi? Secondo Edward De Bono, il pensiero laterale è il complemento necessario al pensiero logico se vogliamo affrontare con efficacia i problemi più complessi.

Contrariamente alla deduzione, il pensiero laterale è fatto di scomposizioni, di analogie, di balzi fantasiosi e della capacità di sospendere il proprio giudizio. Questo manuale, disponibile anche in versione Kindle (noi ormai leggiamo la saggistica prevalentemente in formato digitale), ci guida nel mondo del pensiero laterale, attraverso la penna del massimo studioso mondiale di questo affascinante campo della psicologia.

L’autore spiega con chiarezza i principali meccanismi del pensiero laterale, il loro funzionamento e come possono essere utilizzati nell’approcciare problemi complessi (oltre che qualche esercizio per allenarli).

QUI E ORA

di Ronald Siegel

E per concludere, un testo sulla mindfulness. Questa pratica ci appassiona moltissimo e da qualche tempo ci documentiamo e leggiamo in proposito. Questo manuale, dei tanti in commercio, riesce a fornire un ottimo quadro d’insieme e a sintetizzarne per bene i punti cardine.

Al contempo, non lesina sulla pratica: gli esercizi e i consigli dell’autore ci aiutano a praticare la mindfulness nella vita di ogni giorno e i suoi suggerimenti possono essere d’aiuto ai principianti e, più in generale, a tutti gli autodidatti.

Infine: Ronald Siegel è molto chiaro nello spiegarci cosa sia effettivamente la mindfulness. Questa disciplina non è per nulla vaga o mistica e il manuale lo spiega con estrema precisione.

ACQUISTI ONLINE

Essere genitori non è un mestiere > su Amazon.it

La zuppa dell’orco > in offerta su Amazon.it

Il piccolo libro della verità > su Amazon.it

Qui e ora. Strategie quotidiane di mindfulness > su Amazon.it

Creatività e pensiero laterale: manuale di pratica della fantasia > su Amazon.it (anche in versione Kindle)