Nella lezione precedente abbiamo scoperto che i neuroni specchio ci permettono di intuire le azioni e le intenzioni degli altri. Sono questi i meccanismi alla base del clima sociale e della risonanza emotiva.

Ma come possiamo interagire con il clima sociale? Sappiamo che le emozioni vengono attivate da stimoli specifici (e dal modo in cui interpretiamo quegli stimoli); queste, tuttavia, precedono il pensiero razionale e sono molto più veloci. Il nostro margine di azione sulle emozioni è limitato; tuttavia, le emozioni negative non sono nocive. Pensate all’esempio della mamma che vede il suo bambino sporgersi su uno strapiombo, che abbiamo fatto nella seconda lezione.

Per quanto riguarda i sentimenti, invece, possiamo e dobbiamo fare molto.
Le reazioni emotivo-sentimentali negative sono quelle più dannose: solitamente si trasformano in critiche distruttive, in giudizi e in umiliazioni. Queste reazioni sono la causa principale dell’inquinamento sociale e dei suoi frutti (siano essi uno scarso coinvolgimento a scuola o una forma di disagio in famiglia).
Le reazioni emotivo-sentimentali non sono immediate; seguono un’emozione negativa, ma sono il frutto della nostra scelta deliberata di dare sfogo alla nostra frustrazione.

ESERCIZIO (fondamentale): Imparate a riconoscere le vostre reazioni emotivo-sentimentali negative. La sera, prima di andare a dormire, interrogatevi; chiedetevi se durante la giornata avete avuto una reazione determinata dai vostri sentimenti.

Ecco qualche esempio di reazione emotivo-sentimentale negativa.

  • Perché non presti mai i tuoi giocattoli a tuo fratello? Sei un’egoista. Pensa a tutte le cose che noi facciamo per te; tu, invece, non fai altro che chiedere e pretendere. Dovresti vergognarti”.
  • Non hai studiato neanche una pagina. Sei il più pigro e svogliato della classe. Se continui così, non combinerai mai nulla nella vita”.
  • Basta. Non riesci a giocare due minuti da solo senza disturbare noi adulti! Sei davvero fastidioso. Adesso vai in camera e lasciaci in pace”.

ESERCIZIO: Analizzate queste tre reazioni emotivo-sentimentali (sono piuttosto comuni; noi le abbiamo tratte dalla nostra esperienza personale, ma è probabile che vi siano familiari).
Cos’hanno in comune queste tre reazioni?
Quali emozioni e quali sentimenti le hanno generate?
Come si riflettono sul clima sociale?

RIASSUNTO: Le reazioni emotivo-sentimentali negative capitano a tutti noi e si riflettono sul clima sociale. Imparare a riconoscerle, giorno dopo giorno, è importante: si tratta del primo passo per modificare in meglio le nostre abitudini.

Nella prossima lezione scopriremo come trasformare una reazione emotivo-sentimentale negative in una risposta educativa, in modo da offrire ai bambini un feedback sulle loro azioni senza però inquinare il clima sociale.

Pin It on Pinterest