Che cos’è il massaggio infantile

Che cos’è il massaggio infantile

Il massaggio infantile è un’arte antica da sempre esistita e praticata nei paesi extraeuropei. In queste culture, essa rientra tra le pratiche di cura rivolte ai più piccoli ed è svolta con regolarità  quotidiana. Diversamente le società occidentali  sacrificano la prossimità fisica  in nome di un’individuazione  che deve essere raggiunta il prima possibile e l’approccio all’infanzia è sempre più richiesto e prestazionale.Young Caucasian father kissing feet of his baby son

Il massaggio Infantile non è una tecnica che impariamo ad applicare, è piuttosto un modo di stare in relazione. Possiamo descriverlo come una forma di comunicazione profonda che avviamo con il nostro bambino, uno scambio d’amore e quindi una forma di cura preziosa. Durante il momento del massaggio entriamo in ascolto ed impariamo a conoscere  i bisogni del nostro piccolo.  Svolto quotidianamente diventa un momento di incontro dove,  puntuale ed atteso, i neogenitori  si ritrovano con il proprio bimbo . Ogni neonato nasce affamato di contatto, come ogni cucciolo di specie mammifera. Infatti  Il tatto è l’organo di senso che prima di tutti gli altri si sviluppa durante il periodo gestazionale (ottava settimana) e l’ultimo a lasciarci prima di morire. E’ l’organo sensoriale più esteso che abbiamo. La pelle infatti  occupa il 70%del nostro corpo e tutto ciò che passa attraverso di essa  costruisce il nostro sé corporeo. Quindi  il neonato scopre di avere un corpo  attraverso le mani della propria madre che ne percorre i confini .

I benefici

I benefici del massaggio sono molteplici e insieme concorrono ad uno sviluppo psicofisico armonico del bambino. Classifichiamo i benefici del massaggio  in quattro categorie:

  •   l’interazione  cargiver –bambino in quanto fornisce gli  strumenti di lettura dei segnali comunicativi non verbali del piccolo e il riconoscimento delle sue emozioni . Tutto questo incrementa nei genitori l’empatia, ovvero la capacità di ascolto e di risposta adeguata  agli stati emotivi dell’altro.  Una corretta decodifica degli  stati emotivi del bambino lo aiuterà   a divenire successivamente un adulto emotivamente consapevole.
  • Stimolazione dei vari sistemi fisiologici: l’apparato circolatorio, l’apparato gastro-digerente, ormonale (abbassamento del cortisolo-ormone dello stress), il sistema linfatico, il sistema nervoso , l’apparato respiratorio e vestibolare.
  • Sollievo soprattutto nei casi di fastidi e problemi comuni come in caso di coliche intestinali, stitichezza, tensione muscolare, fastidi da dentizione e dolori vari di crescita.
  • Rilassamento in quanto favorisce la regolazione del ritmo sonno-veglia e degli stati comportamentali del neonato. Favorisce   la riduzione dell’ipersensibilità del piccolo , un aumento dell’ossitocina ormone dell’amore e una riduzione del cortisolo.

Ancora, tra i benefici del massaggio infantile,  ricordiamo che può stimolare la lattazione, in generale l’accudimento ad alto contatto fisico , incrementa la produzione di prolattina (ormone dell’allattamento). Sostiene le neo mamme nei casi baby blues e di depressione post-partum.massage3

Il massaggio neonatale può portare grandi benefici a tutta la famiglia: favorisce il coinvolgimento precoce del papà nell’accudimento del bambino e in caso fossero presenti fratelli maggiori, può diminuire la gelosia e portare tranquillità e serenità nell’ambito familiare

Come praticare il massaggio e a chi rivolgersi per apprenderne la tecnica





Quando mi domandano quale ruolo ha l’insegnate di massaggio infantile mi piace  ricordare sempre che prima di ogni cosa i veri insegnanti, all’interno della relazione, sono i bambini  mentre i genitori restano  gli unici veri esperti . In  questo spazio relazionale l’insegnate di massaggio è un “facilitatore”, tanto è che non massaggia direttamente il neonato, ma il suo strumento di lavoro è una bambola didattica. E’ possibile iniziare a vivere questa piacevole coccola insieme al proprio bambino sin dal primo mese di vita per poi accompagnarlo  tutta la vita.

Il massaggio infantile si può apprendere in piccoli gruppi di  cinque – sei mamme.  Complessivamente sono cinque incontri della durata di un’ora e mezza e si tengono con cadenza settimanale. Per chi vuole il corso può svolgersi anche presso il proprio domicilio.

In Italia opera in questo settore da più di venti anni l’associazione massaggio infantile italiana (AIMI), associazione di cui faccio parte in quanto insegnante certificata secondo il percorso formativo promosso dalla stessa . Contattando l’associazione o consultando il sito www.aimionline.it è possibile attraverso la banca dati rivolgersi ad un’insegnate certificata.  L’associazione AIMI  è parte dell’International Association of Infant Massage la cui fondatrice è Vimala McClure, americana del Colorado che ha operato per la diffusione del massaggio infantile in occidente. Le conferme ricevute dalla pratica dei genitori a cui ha insegnato, gli studi scientifici , gli approfondimenti e l’esperienza personale hanno condotto Vimala a elaborare il massaggio così come viene insegnato ancora oggi, integrando in un’unica armonica sequenza diversi massaggi (indiano,svedese, riflessologia e principi di yoga),aventi origine differente, a motivo dei benefici che questi apportano ai bambini, ai genitori e alla loro relazione.massaggio2
Concludo con le parole di F. Leboyer “ i piccoli hanno bisogno, sì ma più ancora di essere amati e ricevere carezze. Essere portati, cullati, carezzati, essere tenuti, massaggiati, sono tutti nutrimenti per i bambini piccoli, indispensabili, come le vitamine, i Sali minerali e le proteine, se non di più”. Il massaggio è un messaggio d’amore che scriverete sulla pelle del vostro bambino e lo accompagnerà per tutta la vita.

Dott.ssa Mariarosaria Sannino

Insegnante di massaggio infantile (AIMI)