EDUCAZIONE CIVICA: UNA NUOVA MATERIA?

A gennaio 2019 verrà presentata alla Camera una proposta di legge per introdurre l’educazione civica come materia curricolare nelle scuole italiane, sin dalla scuola dell’infanzia. L’obiettivo è quello di educare alla legalità e al rispetto delle leggi (oltre che alla loro conoscenza). L’educazione civica, per come è stata concepita, abbraccia quattro campi di studio:

  • costituzione e legalità;
  • educazione alla cittadinanza digitale;
  • educazione all’ambiente e alla salute;
  • educazione stradale stradale.

Si tratta di quattro aspetti diversi della vita sociale, ma ugualmente importanti.

La proposta di legge prevede anche lo smantellamento di tutti i progetti dedicati all’educazione civica attualmente presenti nelle scuole: progetti i cui risultati sono difficili da misurare e che, per loro stessa natura, non soddisfano i criteri di misurabilità, uniformità e organicità che ci si aspetterebbe da una scuola nazionale. Anche per questo la proposta è stata accolta favorevolmente dalla maggioranza degli enti istituzionali e legati al mondo della scuola. Rimane aperto il problema di integrare queste ore all’interno del curricolo scolastico: non è ancora chiaro come verranno integrate.

Vogliamo ricordare che questa proposta non è una novità assoluta nel panorama scolastico: l’ANCI (Associazione Nazionale dei Comuni Italiani) aveva presentato già il 14 giugno un disegno di legge di iniziativa popolare per introdurre l’educazione alla cittadinanza in classe.