In questo articolo abbiamo raccolto alcune filastrocche di Carnevale: secondo noi si tratta di brani semplici e al tempo stesso ricchi di significato. Buona Lettura!

POESIE E FILASTROCCHE DI CARNEVALE

PIATTO PIENO, PIATTO VUOTO

Patrizia Mauro 

filastrocche di carnevale

Clicca qui per leggere il testo e stampare questa filastrocca.

CARNEVALE

Monica Sorti 

filastrocca di carnevale

Clicca qui per leggere il testo e per stampare la filastrocca.

CARNEVALE: CHE MAGIA!

Patrizia Mauro 

filastrocca di carnevale patrizia mauro

Clicca qui per leggere il testo e stampare la filastrocca.

LA CANZONE DELLE MASCHERINE

Arpalice Cuman Pertile

Un saluto, a tutti voi;
dite un po’ chi siamo noi?
Ci guardate e poi ridete?
Oh! mai più ci conoscete!
Noi scherziam senza far male,
Viva, viva il Carnevale!
Siamo vispe mascherine,
Arlecchini e Colombine,
diavolini, follettini,
marinai
bei ciociari
comarelle
vecchierelle:
noi scherziam senza far male,
viva, viva il Carnevale!
Vi doniamo un bel confetto,
uno scherzo, un sorrisetto;
poi balliamo
poi scappiamo.
Voi chiedete:
Ma chi siete?
Su pensate,
indovinate.
Siamo vispe mascherine,
Arlecchini e Colombine,
diavolini, follettini,
marinai
bei ciociari
comarelle
vecchierelle:
noi scherziam senza far male,
viva, viva il Carnevale!

FILASTROCCHE DI CARNEVALE DI GIANNI RODARI

Gianni Rodari, campione della filastrocca italiana, ha scritto più di un pezzo dedicato al Carnevale e agli spunti di riflessione che sa offrire a grandi e bambini.

L’INVENZIONE DI PULCINELLA

Gianni Rodari

Signore e signori, fatevi avanti
più gente entra, più siete in tanti!
Correte a vedere la grande attrazione,
la formidabile invenzione.
Non sono venuto su questo mercato
per vendere il fumo affumicato.
Non sono venuto a questa fiera
per vendere i buchi del gruviera.
Il mio nome è Pulcinella
ed ho inventato la moz – za – rel – la!
Da questa parte, signori e signore
son Pulcinella il grande inventore!
Per consolare i poveretti
ho inventato gli spaghetti.
Per rallegrare a tutti la vita
creai la pizza Margherita!
Olio, farina, pomodoro
nulla vale questo tesoro.
Ad ascoltarlo corre la gente,
si diverte… e non compra niente!

IL VESTITO DI ARLECCHINO

Gianni Rodari

Per fare un vestito ad Arlecchino
ci mise una toppa Meneghino,
ne mise un’altra Pulcinella,
una Gianduia, una Brighella.
Pantalone, vecchio pidocchio,
ci mise uno strappo sul ginocchio,
e Stenterello, largo di mano
qualche macchia di vino toscano.
Colombina che lo cucì
fece un vestito stretto così.
Arlecchino lo mise lo stesso
ma ci stava un tantino perplesso.
Disse allora Balanzone,
bolognese dottorone:
“Ti assicuro e te lo giuro
che ti andrà bene li mese venturo
se osserverai la mia ricetta:
un giorno digiuno e l’altro bolletta!”.

VIVA I CORIANDOLI DI CARNEVALE

Gianni Rodari

Viva i coriandoli di Carnevale,
bombe di carta che non fan male!
Van per le strade in gaia compagnia
i guerrieri dell’allegria:
si sparano in faccia risate
scacciapensieri,
si fanno prigionieri
con le stelle filanti colorate.
Non servono infermieri
perchè i feriti guariscono
con una caramella.
Guida l’assalto, a passo di tarantella,
il generale in capo Pulcinella.
Cessata la battaglia, tutti a nanna.
Sul guanciale
spicca come una medaglia
un coriandolo di Carnevale.

UNA VOLTA PER ERRORE

Gianni Rodari

Una volta per errore
un corridore ciclista
vinse una toppa
invece di una tappa.
Bel premio per un vincitore.
Alla vista di quello straccio
lui corre alla giuria:
“Che cosa me ne faccio?”
“Una toppa è utilissima
gli fanno osservare,
puoi metterla sui gomiti,
sui ginocchi, dove ti pare.
Se poi vinci altre toppe
e le cuci per benino
avrai per Carnevale
un costume da Arlecchino”.

Pin It on Pinterest