I cani sono nati per comunicare con l’uomo: ci capiscono già dalla nascita

I cani sono nati per comunicare con l’uomo: è la conclusione a cui sono giunti gli studiosi di comportamento animale dell’Università dell’Arizona, al termine di uno studio scientifico che ha esaminato 375 cuccioli di Golden e Labrador Retriever dell’età di 8 settimane.

Lo studio puntava a comprendere meglio la comunicazione uomo-cane e in particolare la capacità dei cani di seguire i movimenti dell’uomo. I ricercatori, dopo aver nascosto un bocconcino, lo indicavano ai cuccioli con un dito. Incredibilmente, quasi il 70% dei cuccioli era in grado di comprendere la comunicazione dell’uomo e seguire il dito del ricercatore senza bisogno di alcun addestramento.

In uno studio successivo, i ricercatori hanno osservato degli esemplari adulti e hanno scoperto che la percentuale di cani che comprendono i gesti dell’uomo rimane stabile; questo significa che i cani possiedono l’abilità di comunicare con l’uomo fin dalla nascita. Nessun altro animale, nemmeno le scimmie, è così bravo ad interpretare i nostri gesti.

Questa capacità è il frutto di un rapporto lungo oltre diecimila anni: il cane è stato il primo animale ad essere addomesticato dall’uomo ed è anche quello più abile a comunicare con noi.

Ultimi articoli: