I racconti di Parvana: the Breadwinner

Parvana è una ragazza afghana di 11 anni che vive con la sua famiglia a Kabul, in una città dilaniata dalla guerra e sottomessa al rigido regime talebano. Il padre, un venditore ambulante con un passato da combattente contro l’Unione Sovietica, mantiene a fatica la famiglia. Un giorno, i talebani lo arrestano ingiustamente e lo incarcerano. Per la sua famiglia, priva della sua unica fonte di reddito, il futuro si trasforma in un incubo.
A sostenere la famiglia ci penserà Parvana, sfidando le leggi del suo paese: la ragazza, infatti, taglia i lunghi capelli neri e si traveste da ragazzo; con questo espediente ottiene un lavoro e può mantenere la madre, la sorella e il fratellino. La ragazza, inoltre, scoprirà il significato della libertà.

Prodotto da Angelina Jolie, questo lungometraggio nasce dalla ricerca di una narrazione autentica. The Breadwinner non è un film d’animazione mosso da intenti politici, è una storia che racconta la cultura locale e non la sottomette all’agenda politica internazionale. La stessa Parvana non è un’eroina, o meglio, non aspira ad esserlo. È una ragazza afghana che vive in condizioni difficili e che affronta con coraggio le circostanze della vita. Anche i temi dei diritti delle donne e della violenza sono visti con gli occhi di una bambina.

Il film nasce da un libro Sotto il burqa, della scrittrice canadese Deborah Ellis; l’autrice si trovava in Pakistan, ad aiutare i rifugiati afghani, quando incontrò una ragazza che girava per il campo fingendo di essere un ragazzo. Il personaggio di Parvana è nato da questo incontro, e dai racconti degli altri rifugiati. The Breadwinner è disponibile, con doppiaggio italiano, su Netflix. Nelle sale cinematografiche, invece, è arrivato il 25 novembre.