Il contadino e i suoi figli

il contadino e i suoi figli

“Il contadino e i suoi figli” è una favola di Esopo.

Il contadino e i suoi figli

Esopo. Testo (a cura di): Alessia de Falco e Matteo Princivalle

C’era una volta un contadino che aveva molti figli. I ragazzi non andavano d’accordo fra loro e ogni giorno trovavano un nuovo pretesto per litigare. Un giorno, il padre li chiamò nell’aia per insegnare loro il potere dell’unione.

Prese una fascina di rami legati insieme e li diede ai suoi figli, poi disse loro: «Provate a spezzare questi rami.»
Uno dopo l’altro, i fratelli provarono a spezzare la fascina con tutte le loro forze, ma nemmeno il più robusto di loro ci riuscì.

Il padre riprese la fascina e con il coltello tagliò i due lacci che la tenevano insieme. Poi passò un ramo a ciascuno dei suoi figli e disse: «Provate a spezzarli adesso.»
Tutti i ragazzi, compreso il più piccolo riuscirono a spezzare il loro ramo senza alcuna difficoltà.

«Questi rami, da soli, sono deboli. Anche un bambino può spezzarli. Ma quando sono uniti, nemmeno il più forte degli uomini ce la può fare. Anche voi, figli miei, dovete fare come questa fascina: se rimanete uniti, nessuna difficoltà riuscirà ad abbattervi.»

Questa favola insegna che l’unione fa la forza.

Leggete anche: