Il gioco del dizionario

Il gioco del dizionario è un gioco con carta e penna (e dizionario, che però può essere sostituito da uno smartphone) per giocare con le parole della nostra lingua e per imparare nuove parole.

Regole del gioco del dizionario

  • Numero di giocatori: 3 o 4 giocatori e 1 professore (adulto).
  • Scopo del gioco: Il giocatore che alla fine della partita ottiene più punti vince.
  • Preparazione del gioco: Chi rivestirà il ruolo del professore dovrà avere con sé un dizionario. Esistono numerosi dizionari gratuiti online, tra i quali vi segnaliamo il vocabolario Treccani (potete aprirlo qui). Serviranno inoltre dei biglietti di carta (5 per ogni giocatore) e una penna per tutti i giocatori.
  • Svolgimento del gioco: Il professore cerca sul vocabolario una parola difficile e la comunica ai giocatori, poi consegna a ciascuno di loro un biglietto.
    I giocatori hanno 5 minuti di tempo per scrivere sul loro biglietto il significato di quella parola (se non lo conoscono dovranno inventarlo).
    Allo scadere del tempo il professore raccoglierà i biglietti senza far vedere il loro contenuto ai giocatori, poi leggerà agli altri la definizione contenuta in ciascun biglietto (assegnando un numero a ogni definizione: “Definizione 1, 2, 3, 4”).
    Ogni giocatore deve votare la definizione che ritiene più vicina a quella reale (si voteranno i numeri: “Chi vota per la definizione n. 1?”); i giocatori non possono votare per la propria definizione.
    A questo punto, il professore legge il significato reale del vocabolo dal dizionario, poi assegna i punti: la definizione più votata vince 1 punto; tutti i giocatori che hanno scritto una definizione corretta (cioè simile a quella fornita dal vocabolario) riceveranno 1 punto.
    Il gioco si ripete per altre 4 volte (5 parole totali): al termine, si conteggiano i punti ottenuti da ciascun giocatore e quello con la somma maggiore vince.

Suggerimenti

Questo gioco è adatto a qualsiasi età, a patto che sappiano leggere e scrivere in italiano fluente, quindi all’incirca a partire dai 7 anni. Con i bambini della scuola primaria è possibile utilizzare questo gioco con una finalità educativa, per far conoscere in forma ludica il significato di parole non comuni ma importanti (es. democrazia, grinta, inclusione, coerenza, etc.).