Il metodo 10-10-10 per prendere le decisioni

metodo 10 10 10

Ti è mai capitato di dover prendere una decisione e di non riuscirci? Se sei una mamma o un papà, ma anche se sei una maestra o un maestro, sicuramente sì. Chi educa deve continuamente prendere decisioni, le cui conseguenze cambieranno la vita delle persone. Non si tratta mai di scelte banali e ci rendiamo conto perfettamente di quanto sia difficile assumersi questa responsabilità.

Per questo, abbiamo pensato di proporti un metodo particolare, elaborato dall’americana Suzy Welch, messo a punto proprio per valutare le conseguenze di una decisione e per aiutare le persone a scegliere. Questo metodo è conosciuto a livello internazionale come 10-10-10.

IL METODO 10-10-10

Te ne proponiamo una sintesi estrema; si tratta di un testo pubblicato dalla stessa ideatrice del metodo sul sito oprah.com, che abbiamo tradotto dall’inglese in modo piuttosto letterale:

Ecco come funziona: ogni volta che mi trovo in una situazione e non riesco a trovare una soluzione capace di accontentare tutti, mi chiedo: “Quali saranno le conseguenze della mia decisione tra 10 minuti? E tra 10 mesi? E tra 10 anni?
Le risposte, solitamente, mi dicono tutto quel che dovrei sapere non solo per fare la mossa più ragionevole, ma anche per spiegare alla mia famiglia, ai miei amici o ai miei colleghi che ne subiranno gli effetti. Ho usato il metodo 10-10-10 per prendere alcune delle decisioni più significative della mia vita, tra cui il mio divorzio, ma l’efficacia di questo metodo è immutata anche per questioni molto meno rilevanti“.
Suzy Welch

Ecco qualche consiglio per utilizzare al meglio il metodo:

  • bisogna ridurre il campo della decisione a due soluzioni, A o B; in altre parole, il metodo si può applicare solo laddove vi sia la scelta tra “fare una cosa” o “farne un’altra”. Se sei ancora in alto mare, prima è necessario ridurre il ventaglio delle scelte a due soluzioni;
  • per ciascuna delle tre domande, è necessario rispondere in modo esauriente analizzando gli effetti della prima soluzione e della seconda;
  • annotarsi le risposte su un foglio di carta può essere di grande aiuto.