IN SICILIA LA PRIMA SCUOLA PLASTIC FREE

La scuola Bersagliere Urso di Favara, in provincia di Agrigento diventa la prima scuola italiana plastic-free. Ragazzi e docenti, infatti, sono rimasti colpiti dalle parole dell’attivista sedicenne Greta Thunberg e hanno deciso di dare il loro contributo attivo alla costruzione di un ambiente migliore.

Brigida Lombardi, dirigente scolastico della scuola, ha dichiarato: “Abbiamo voluto dare il nostro contributo perché il nostro dovere è di salvaguardare il nostro pianeta. Abbiamo inoltre inserito il progetto all’interno dell’offerta formativa come educazione ambientale. (…) Come istituto abbiamo deciso di adottare bicchieri per il caffè e per l’acqua di carta, abbiamo mandato una circolare alle famiglie invitandole a non usare bottigliette di plastica (i ragazzi hanno ricevuto un borraccia in alluminio omaggiata da una ditta locare, ndr.). (…) È nelle scuole che si formano i custodi del nostro pianeta, bastano piccoli cambiamenti per liberare il pianeta dalla plastica”.

L’iniziativa è stata accolta con entusiasmo da tutti: docenti, alunni, famiglie e amministratori. Si tratta di un segnale importante dalle nuove generazioni, che rivendicano il diritto al futuro e che ci invitano a vivere in modo responsabile e sostenibile.
Ricordiamo che le scuole sono centri nevralgici per innescare il cambiamento: ciò che i ragazzi apprendono – così come gli ideali e i sentimenti che vivono tra le mura scolastiche – vengono poi portati a casa e hanno la carica necessaria per trasformare l’intero ecosistema familiare. Questo non significa che la scuola sia l’unico attore nella lotta alla plastica, ma sicuramente riveste un ruolo di primo piano.

FONTI