INSEGNIAMO L’EDUCAZIONE CON QUESTA FILASTROCCA

Ci sono alcune paroline magiche che non dovremmo mai dimenticare: grazie, per favore, scusa, permesso. Questa sera ti proponiamo una filastrocca scritta da Michele Parisi che affronta proprio il tema della gentilezza e delle paroline magiche. Imparare in rima, del resto, è più dolce.

“Voglio un dolcetto, lo sai son goloso”
disse il bambino in modo nervoso.
“Ma guarda che modi”, esclamò la nonnina
“non ha dimenticato una parolina”?
Pensandoci un po’ il bambino esclamò:
“dammelo ora o me ne andrò”.
“Vai pure a giocare mio caro nipotino,
i dolci li darò al nostro vicino”.
Il bambino ci pensa… il bottino è prezioso,
si avvicina alla nonna ed è affettuoso.
“Nonna scherzavo, non ti dispiacere
la parola la so, è PER PIACERE.”

Ecco la filastrocca illustrata:

Clicca qui per scaricarla o per stamparla.