scoperta del fuoco

La scoperta del fuoco è una tappa fondamentale nel corso dell’evoluzione del genere Homo. Grazie ai ritrovamenti archeologici sappiamo che fu l’Homo Erectus a scoprire il fuoco, approssimativamente un milione e mezzo di anni fa.

LE 5 DOMANDE CHIAVE PER CAPIRE L’ARGOMENTO

  • Chi: fu l’Homo Erectus a scoprire come produrre e utilizzare il fuoco
  • Che cosa: Scoperta del fuoco
  • Quando: 1,5 milioni di anni fa
  • Dove: le prime tracce della scoperta del fuoco sono state rinvenute in Africa
  • Perché: probabilmente l’Homo Erectus scoprì il fuoco per caso, sfregando tra loro due pezzi di legno secco o due pietre si producevano scintille; fu così che cominciò ad accendere e utilizzare il fuoco

 

COME IL FUOCO CAMBIÒ LA VITA DELL’UOMO

Si può dire che il fuoco cambiò la vita dei primi uomini? Assolutamente sì: vediamo come.

  • DIETA
    Grazie al fuoco gli uomini cominciarono a cuocere il cibo: questo permise, oltre a semi, erbe e frutti spontanei, di mangiare carne e pesce cotti, neutralizzando i batteri e le tossine. In questo modo, la dieta dell’Homo Erectus divenne più variegata e salutare.
  • COMPORTAMENTO
    Il fuoco è una fonte di luce: grazie ad esso l’Homo Erectus non era più costretto ad interrompere le sue attività col buio. Inoltre, il fuoco teneva alla larga i predatori.
  • RISCALDAMENTO
    Il fuoco, oltre ad essere fonte di luce, è anche una fonte di calore. I focolai domestici permisero ai primi uomini di riscaldarsi, rendendo possibile la colonizzazione di nuove aree geografiche oltre l’Africa.
  • PRODUZIONE DI MANUFATTI
    Il fuoco è un elemento essenziale per realizzare manufatti in terracotta e per lavorare i metalli; grazie alla scoperta del fuoco fu possibile realizzare vasi, materiali per costruire e armi.

 

LA SCOPERTA DEL FUOCO: COSA DICE L’ARCHEOLOGIA

Le prove più antiche dell’uso del fuoco da parte dell’Homo Erectus vengono dai siti archeologici dell’Africa orientale: infatti, sono stati rinvenuti frammenti di argilla rossa risalenti a un milione e mezzo di anni fa. L’argilla assume il colore rosso solo se sottoposta a temperature di almeno 400 C°, prova che quei frammenti erano stati sottoposti a cottura.

Altre prove dell’uso del fuoco, trovate anch’esse in Africa, sono costituite da pietre annerite dal fuoco e resti di focolai domestici.

LA SCOPERTA DEL FUOCO – SCHEDA STAMPABILE

Abbiamo riassunto in una scheda stampabile tutte le informazioni importanti sulla scoperta del fuoco; puoi trovarla e scaricarla in formato PDF qui ⇒ La scoperta del fuoco – Scheda stampabile
Utilizza queste schede per le tue lezioni!

I MITI SULLA SCOPERTA DEL FUOCO

Sin dai tempi antichi l’uomo ricorre al mito per spiegare i fenomeni naturali e la scoperta del fuoco non fa eccezione. La maggior parte dei popoli ha elaborato un proprio mito attraverso cui tramandare questa importantissima tappa culturale. In questo articolo abbiamo riportato tre diversi miti: quello di Prometeo, un mito cinese ed uno africano.

Se devi spiegare l’origine del fuoco, non trascurare questi miti: si tratta di una testimonianza importante ed utile a capire meglio l’uomo, il nostro pensiero e la nostra cultura.

IL MITO DI PROMETEO

Il mito più famoso che racconta dell’incontro tra gli uomini e il fuoco è sicuramente il mito di Prometeo; secondo questo mito, gli uomini non avevano il fuoco poiché Zeus, adirato con loro, lo aveva nascosto. Fu il titano Prometeo a rubare il fuoco agli dei e a donarlo agli uomini, ricevendo un castigo terribile dal padre degli dei.

A questo mito abbiamo dedicato una pagina a sé, “Il mito di Prometeo“. Cliccando sul link potrai trovare anche la scheda PDF stampabile.

LA SCOPERTA DEL FUOCO

Mito africano 

Tanto tempo fa, il ragno stava tessendo un lungo filo di ragnatela; un giorno, il vento prese quel filo e lo portò su, fino a toccare il cielo. Allora, il picchio si arrampicò sul filo di ragnatela e fu il primo animale a raggiungere il cielo. Scambiando la volta celeste per un albero, cominciò a picchiettarla qua e la, aprendo dei grossi buchi, che noi chiamiamo stelle.

Qualcuno dice che l’uomo si arrampicò su quello stesso filo e, raggiunte le stelle, portò il loro fuoco sulla terra. Secondo altri, il cielo cominciò a piangere perché il picchio, bucherellandolo qua e là, gli faceva male; le sue lacrime infuocate caddero sulla terra e fu così che l’uomo si impadronì del fuoco.

LA SCOPERTA DEL FUOCO

Mito cinese

Un saggio decise di andare a passeggiare oltre i confini del sole e della luna; giunse così in una terra sconosciuta. Lì vide un albero e, su quell’albero, un picchio. Il becco del picchio, colpendo il tronco dell’albero, sprigionava delle scintille infuocate e una di queste colpì il saggio, bruciandogli la barba. Fu così che l’uomo colpito da quel fatto, prese un ramo dell’albero e lo utilizzò per accendere un fuoco.

Se vuoi stampare questi miti sulla scoperta del fuoco, scarica la nostra scheda in formato PDF ⇒ La scoperta del fuoco – Schede stampabili

 

Pin It on Pinterest