La vera vocazione dell’uomo è la conoscenza

LETTURE SCELTE

Guardandoci intorno, ci rendiamo conto che esiste uno scoraggiante ritardo culturale, tale da compromettere gravemente l’avvenire dei nostri figli.
Essere un uomo colto oggi, molto più che in passato, vuol dire essere un uomo del proprio tempo, con lo sguardo puntato verso l’avvenire: non si può più fare dell’archeologia culturale (come si continua a fare), se prima non si è capito profondamente il messaggio del futuro.
Ciò può essere scomodo, perché obbliga a continui ripensamenti e riconversioni. Ma è proprio questa la forza dell’uomo pensante, la qualità che lo distingue dall’animale; senza questa rigenerazione culturale l’avvenire che consegneremo ai nostri figli rischia di essere soltanto un frutto avvelenato.
Osservato da un’altra galassia, il destino umano può apparire poca cosa: un breve momento, tra l’esplosione iniziale e (probabilmente) quella finale. Ma, vissuta dall’interno, questa vita è per noi la cosa più preziosa: è una fiaccola che dobbiamo cercare di trasmettere a lungo, di mano in mano, secondo un percorso che sembra addentrarsi sempre più in quella che è la vera vocazione dell’uomo: la conoscenza.

BIBILIOGRAFIA
Angela P. (2017), Da zero a tre anni, Mondadori