Zooantropologia didattica

Cos’è la zooantropologia didattica?

Zooantropologia_didattica_Samoiedo_2014
Cani in campeggio: così si integrano gli animali nella vita di tutti i giorni, anche al centro estivo!

La zooantropologia didattica studia e insegna la relazione uomo-animale nelle sue varie forme; nel corso degli ultimi decenni questa scienza ha avuto il suo boom, il che l’ha portata al grande pubblico. In questa cornice si trovano affastellati numerosi approcci teorici e una moltitudine di metodologie di lavoro, scientifiche e non. Attraverso la relazione con gli animali si cerca di lavorare su alcune aree dello sviluppo, sia in termini di potenziamento che di riabilitazione.

A dispetto delle foto che trovate in questa pagina, zooantropologia didattica vuol dire molto altro che far accompagnare da un cane un gruppo di bambini; questa è senz’altro un’applicazione, ma alla base c’è lo studio della diversità e la ricerca dei punti di contatto. Tutti diversi, per questo uguali! La zooantropologia mira ad abolire l’aggettivo “inferiore” che da tempo accompagna gli animali.

Studiare gli animali sul campo

Come prima cosa è bene chiarire l’utilità di studiare la mente animale e la relazione che noi possiamo instaurare con essa. Perché? Avete un cagnolino a casa? Avete mai visto come i bambini si relazionano con lui? Nella media, lo trattano come un compagno di giochi, senza porsi il problema che il cane non ragioni come loro.

Cosa può dare la zooantropologia didattica?

Un progetto di zooantropologia didattica (spesso abbreviato in ZD) può essere utile per stimolare nel bambino:

  • l’empatia: prendersi cura di un animale, imparare a farlo, è un esercizio grandioso per sviluppare l’empatia, cardine dell’educazione emotiva
  • interesse per il diverso, che è il primo step per imparare la tolleranza ed il rispetto, che ai giorni nostri sono spariti chissà dove
  • rispetto, che, come appena detto, nasce dal riconoscimento della diversità
  • senso di responsabilità, derivato sempre dall’impegno nel prendersi cura di un animale
  • pensiero critico e capacità di analisi: il cane, il gatto e gli altri animali non ragionano come le persone. Un percorso di zooantropologia didattica terrà conto di questi punti fondamentali e insegnerà ai bambini un corretto modo di porsi di fronte alla diversità animale

Alla luce di questi punti, è evidente che si tratta di percorsi didattici di grande valore aggiunto, assolutamente necessari per chi intende l’educazione non come mero insegnamento di nozioni ma come un percorso di vita, di crescita.

Zooantropologia didattica: la relazione bambino-animale

Stai cercando un laboratorio di zooantropologia da proporre alla tua classe?

La Scuola di Interazione Uomo Animale, SIUA, redige un albo dei suoi operatori accreditati a svolgere interventi di zooantropologia didattica; si tratta di professionisti competenti nella progettazione e nello sviluppo di attività per classi scolastiche, per gruppi di bambini e ragazzi, per altri enti. La scuola ha diffusione capillare sul territorio e copre tutte le regioni in Italia.

Se invece volete realizzare un progetto firmato da Portale Bambini, potete contattarci via mail al nostro indirizzo mail@portalebambini.it. Lo staff del portale realizza laboratori di varia tipologia in Trentino, spesso appoggiandosi a strutture partner. A seconda delle vostre esigenze potremo definire i dettagli.

Sei un professionista dell’educazione che vorrebbe realizzare dei laboratori di zooantropologia?

Hai tutta la nostra stima e il nostro appoggio! Naturalmente non ci si improvvisa zooantropologi, così come non ci si improvvisa insegnanti in nessuna disciplina. Il percorso che porta a diventare operatori in zooantropologia parte da un grande interesse verso i bambini e gli animali, così come dagli studi etologici.

Per intenderci, frequentare un corso di zooantropologia didattica non è come laurearsi in ingegneria; di questi tempi sempre meno scuole e associazioni hanno fondi da investire in questi interventi per cui non è una scelta che si fa unicamente con l’idea di trovare uno sbocco lavorativo sicuro. Se invece lo studio della relazione uomo-animale è la vostra passione, o siete pedagogisti curiosi ed innovativi, troverete spunti utili ed interessanti all’interno della zooantropologia.

L’ente principale che organizza corsi in questo campo è la SIUA, la Scuola di Interazione Uomo Animale, fondata dall’etologo e filosofo Roberto Marchesini. Vi invitiamo a visitare la pagina dei corsi di zooantropologia didattica in partenza per ulteriori informazioni. E’ anche la prima scuola ad aver affrontato l’argomento ed è forte di un’esperienza oltre decennale nel settore, oltre che di una metodologia rigorosa. Ci sono poi molteplici associazioni che organizzano ed offrono corsi, di solito della durata di un paio di week-end; non tutti hanno una solida base scientifica ed è importante valutare con attenzione il programma del corso per stabilirne la serietà.