Chi sono io? Questa domanda è alla base del nostro laboratorio delle maschere. Si può proporre ai bambini proprio così: chiedendo loro di rappresentarsi in una maschera. Non occorre una rappresentazione “fedele”; piuttosto, ciascuno dovrebbe concentrarsi sugli aspetti di sé che vale la pena imprimere sulla propria maschera di cartone.
È importante lasciare ai bambini la libertà di rappresentar-si. La forma della maschera – retaggio artistico culturale millenario – è già di per sé una notevole limitazione. Solo modellandola in libertà potranno farla propria e uscire arricchiti da questo laboratorio artistico.

LABORATORIO DELLE MASCHERE: ISTRUZIONI

Per cominciare, si disegna la sagoma della propria maschera su un foglio di cartone. Successivamente, si ritaglia la maschera. Dal cartone avanzato si possono ritagliare le sagome per occhi, bocca, naso e gote. Noi abbiamo incollato questi dettagli alla maschera con la colla vinilica.

Per colorare la maschera ci sono due possibilità:

  • utilizzare i colori a tempera, un vero e proprio classico per la pittura su cartone;
  • utilizzare i colori multisuperficie Giotto, che potete vedere nella foto (a nostro avviso, la resa su cartone è spettacolare).

Ecco la nostra maschera ultimata:

Pin It on Pinterest