L’autonomia, maestra di felicità

montessori autonomia felicità

Oggi torniamo sul concetto di autonomia, con uno stralcio di Maria Montessori (da non-montessoriani convinti, ci troviamo sempre più spesso a citare e sostenere il lavoro di questa grande pedagogista):

Chi non comprende che insegnare a un bambino a mangiare, a lavarsi, a vestirsi, è lavoro ben più lungo, difficile e paziente che non imboccarlo, lavarlo e vestirlo? Il primo è il lavoro nobile dell’educatore, il secondo il lavoro inferiore e facile del servo”.
M. Montessori, La scoperta del bambino

E tu, ti senti servo o educatore? Noi, purtroppo, cediamo spesso alla lusinga del servizio. Eppure, è proprio servire i bambini che inibisce la loro felicità (e ce ne rendiamo conto pienamente). Sempre la Montessori annotava queste parole:

“È certo che per il bambino l’attitudine al lavoro rappresenta un istinto vitale, perché senza lavoro non si può organizzare la personalità, […] l’uomo si costruisce lavorando. […] effettuando lavori manuali in cui la mano è lo strumento della personalità, l’organo dell’intelligenza e della volontà individuale, che edifica la propria esistenza di fronte all’ambiente. L’istinto dei bambini conferma che il lavoro è una tendenza intrinseca della natura umana, l’istinto caratteristico della specie”.
M. Montessori, Il segreto dell’infanzia

Questo lavorio comincia dalla sfera dell’autonomia: lavora il bambino che si lava i denti, quello che rimbocca le coperte la mattina e quello che dispone i giocattoli sulla sua scrivania. Ecco i primi “lavori” infantili: piccole azioni che insegnano ai bambini che sono artefici della propria vita, padroni (rispettosi) del mondo. È attraverso questo viaggio interiore che si edificano le fondamenta di una vita gioiosa, perché non c’è gioia senza lavoro e non c’è lavoro senza autonomia.