IL TORO DI CRETA

Settima fatica di Ercole

Come settima fatica, Euristeo chiese ad Ercole di portargli il toro di Creta. Questo toro era uscito dalle acque del mare per volere di Poseidone, perché il re Minosse potesse sacrificarlo per lui. Minosse, però, fu colpito a tal punto dalla bellezza del toro che lo liberò tra le mandrie e sacrificò a Poseidone un altro toro. Il dio, infuriato fece impazzire il toro, che da quel momento seminò la distruzione sull’isola.
Quando Ercole raggiunse Creta, Minosse gli disse che se avesse domato il toro, avrebbe potuto portarlo via con sé. Ercole lo catturò, lo domò, lo caricò sulla sua nave e lo condusse da Euristeo. A Micene il toro fu liberato e fuggì prima a Sparta, poi a Maratona, dove tormentava gli abitanti della pianura.

Leggi anche le altre fatiche di Ercole. 

ALTRI MITI PER BAMBINI

LE FATICHE DI ERCOLE: EDIZIONE CONSIGLIATA

Se stai cercando un’edizione cartacea che raccolga le dodici fatiche di Ercole ti suggeriamo quella pubblicata da Lisciani Libri: non si tratta di un’edizione critica, ma di un libero adattamento per bambini e ragazzi; Ercole è un ragazzo timido che fatica a inserirsi nella sua nuova classe; il nonno decide così di raccontargli le imprese del grande eroe di cui porta il nome. Questa edizione delle dodici fatiche di Ercole è adatta anche alla lettura in classe e ai laboratori di comprensione del testo.

le dodici fatiche di ercole

Puoi acquistare questo libro online cliccando qui.

Pin It on Pinterest