Letti per voi: Morris

Morris, è il mio compleanno!

Ed è anche quello di tantissimi bambini, ogni giorno! Quando ho recuperato questo libro ero alla ricerca di qualcosa di colorato, di piccolo, di semplice. Un bel regalo per la festa di un amico, di un nipotino, di un bambino in generale. Un regalo senza pretese ma non per questo banale. E mi sono imbattuto in questo titolo: Morris, è il mio compleanno.

Ci hanno dato dentro coi pastelli

non c’erano immagini né dialoghi, “e a che serve un libro,” pensò Alice, “senza immagini e dialoghi?”

Morris-è-il-mio-compleanno
Un tocco di pastello davvero piacevole!

Dice Alice all’inizio della sua avventura (Le avventure di Alice nel Paese delle Meraviglie, Lewis Carroll), e io la penso come lei, senza dubbio. Quindi, comincio sfogliando distrattamente le pagine di un libro alla ricerca delle illustrazioni. In questo caso, ogni pagina aveva la sua e sono rimasto contento come un bambino.

L’illustratore Maximiliano Luchini ha fatto un ottimo lavoro: è riuscito a dar vita a figure semplici eppure dallo stile forte, spargendo pastelli qua e la sul foglio. Il risultato è un libro caratterizzato più che bene, in grado di soddisfare i più piccoli senza per questo deludere chi di arte ne capisce qualcosa di più.

Sono approfonditi non solo i personaggi, ma anche i piccoli dettagli, dalle piante di casa alle frecce sui sentieri, in modo un po’ casuale e tanto colorato; proprio come fanno i bambini. Tutte queste piccole attenzioni sono valse a questo titolo una promozione a pieni voti per quanto riguarda l’illustrazione.

Morris, è il mio compleanno! Scusate, di chi?

Un compleanno che capita all’improvviso, un orso timido, un procione gentile e un po’ impiccione, sempre pronto a brigare per dare una mano agli amici. La trama del libro è classica, con gli animali parlanti e una vicenda che potrebbe capitare a chiunque di noi.

E quindi ci facciamo la fatidica domanda: il classico non stufa? Probabilmente no; io sono un amante dei classici, purché trattati con garbo ed elaborati in modo originale. Questo è il caso classico in cui l’autore ha saputo mescolare sapientemente elementi già visti.

Ed ecco la trama:cover-MORRIS-COMPLEANNO-logospagnaxweb

E’ IL COMPLEANNO DI ORSO POLDO. LUI PERO’ HA UN PROBLEMA: VORREBBE TANTO INVITARE ORSA ROSA ALLA SUA FESTA MA NON SA COME FARE. E COSI’ CHIEDE AIUTO ALL’AMICO MORRIS, L’EROE IN GRADO DI REALIZZARE LE IMPRESE PIU’ GRANDIOSE!

A scuola di vita con Morris

Un’altra cosa che ho apprezzato, e non poco, è l’avere una morale un po’ sbarazzina, informale. Viene trattato il tema della timidezza e della difficoltà delle relazioni con gli altri; si parla dello spirito dell’amicizia, grazie al quale Morris si mette subito all’opera per Orso Poldo. E c’è la furbizia buona, quella ingegnosa e simpatica che risolve tutti i problemi. Ma ad una prima occhiata, non direste che la storia stia cercando di insegnarvi qualcosa, ma solo di divertire.

Quindi, davvero una bella impressione, una storia piena e ben sviluppata, corredata di illustrazioni abbondanti e piacevoli. Un bel libro, ideale da regalare. A voler far di più? L’unica cosa di cui abbiamo sentito la mancanza è una bella copertina rigida, per dare a Morris un po’ di lustro in più.

Ah, un’ultima nota: ci sono altri libri di Morris, il procione dal cuore nobile. Noi non li abbiamo ancora letti, ma le premesse sono convincenti. Se vi capitano tra le mani, fateci sapere cosa ne pensate. Lo volete già regalare? Prendetelo scontato su Amazon!

Matteo Princivalle