lezioni di bambinologia

Nella decima Lezione di Bambinologia parleremo di polisensorialità e polisemantica: in altre parole, proveremo a mettere le mani in pasta nel modo migliore possibile (per l’anima). Ti proporremo due letture (per PENSARE), seguite da due esercitazioni pratiche (per FARE). Puoi seguire tutto il percorso o estrapolare solo le idee che ti servono. Abbiamo cercato infatti di rendere le lezioni modulari ed interconnesse, in modo tale che ciascuno possa generare il proprio percorso formativo.

Il pensiero critico è prima di tutto un pensiero ricco. può far sorridere L’accostamento del pensiero critico ad un laboratorio come quello della pasta di sale, può far sorridere, eppure non è casuale. La ricchezza nasce dall’integrazione, dalla contaminazione creativa (ne abbiamo parlato nella Lezione Numero 7) e dalla varietà di stimoli ed esperienze, che si coagulano nella varietà di significati. Ecco perché, per stimolare il pensiero critico, offriamo questo suggerimento: metti le mani in pasta, modella e colora, costruisci storie a partire dai materiali.

Perché dovremmo donare ai bambini del tempo da impiegare per queste sperimentazioni? Bruno Munari lo faceva perché “i bambini sono gli adulti di domani. Non potendo cambiare gli adulti, ho scelto di lavorare sui bambini perché ne crescano di migliori“.
Le teorie dell’apprendimento mostrano chiaramente la necessità di integrare gli stimoli cognitivi (il pensare) con quelli emotivi (il sentire) e quelli psicomotori (il fare); applicarle è un dono che facciamo ai nostri figli. Il modo migliore per vivere è combinare insieme questi tre elementi. Uno dei modi possibili potrebbe essere: pensa, dunque agisci con sentimento, ma siamo certi che esistono altre combinazioni efficaci.

PENSARE

FARE

SCOPRI ANCHE LE ALTRE LEZIONI DI BAMBINOLOGIA

Pin It on Pinterest