lezioni di bambinologia

In questa tredicesima Lezione di Bambinologia parleremo di gioco e risata, che sono il carburante per apprendere in modo psicosostenibile. Ti proporremo due letture (per PENSARE), seguite da due esercitazioni pratiche (per FARE). Puoi seguire tutto il percorso o estrapolare solo le idee che ti servono. Abbiamo cercato infatti di rendere le lezioni modulari ed interconnesse, in modo tale che ciascuno possa generare il proprio percorso formativo.

Oggi lavoriamo su una celebre frase di Gianni Rodari: “Vale la pena che un bambino impari piangendo quello che può imparare ridendo? Se si mettessero insieme le lagrime versate nei cinque continenti per colpa dell’ortografia, si otterrebbe una cascata da sfruttare per la produzione dell’energia elettrica. Ma io trovo che sarebbe un’energia troppo costosa”.
Anche a nostro avviso questo particolare tipo di energia – sebbene sia green e rinnovabile – costa davvero troppo. Crediamo che sia più opportuno imparare con gioia e divertendosi.

Per farlo, è necessario dare fondo alle proprie risorse creative, ideando giochi e dispositivi capaci di veicolare la conoscenza senza rinunciare a una buona dose di divertimento. E qui entra in gioco la decrescita creativa. Inventare un gioco didattico è un esempio eccellente di lavoro creativo: si prende un set di regole, un argomento da studiare e si mettono insieme come fossero un binomio fantastico. È l’esempio – immodestamente riuscito – della battaglia verbale, che abbiamo escogitato per ripassare a casa l’analisi grammaticale dei verbi e la loro coniugazione.

PENSARE

FARE

SCOPRI ANCHE LE ALTRE LEZIONI DI BAMBINOLOGIA

Pin It on Pinterest