lezioni di bambinologia

In questa quattordicesima Lezione di Bambinologia parleremo di colori e di libertà. Ti proporremo due letture (per PENSARE), seguite da due esercitazioni pratiche (per FARE). Puoi seguire tutto il percorso o estrapolare solo le idee che ti servono. Abbiamo cercato infatti di rendere le lezioni modulari ed interconnesse, in modo tale che ciascuno possa generare il proprio percorso formativo.

Stavamo lavorando su due flaconi di detersivo. Avevamo deciso che uno sarebbe diventato un campo di fiori, l’altro un elefantino. Mentre dipingevamo, ci siamo accorti che era finito il nero e che non avremmo potuto preparare il grigio.
Niente paura, c’era un bel verde metallizzato ad attenderci e così è avvenuta la metamorfosi del secondo flacone, da elefante a “Verdefante”. Subito però ci ha assalito un dubbio: chi vedrà l’immagine, capirà che cosa volevamo rappresentare?

Questa domanda è alla base della lezione di oggi. In sintesi, per rispondere, potremmo usare le parole del pittore Pierre-Auguste Renoir: “Una mattina, siccome uno di noi era senza nero, si servì del blu: era nato l’impressionismo”. In senso più ampio, possiamo dire che ognuno ha il diritto, ma anche il dovere, di rappresentare la vita con i colori che più gli piacciono, senza il filtro della realtà.
In questo l’arte ha un potentissimo valore didattico, è la più grande espressione della libertà di pensiero. È il racconto di ciò che sento dentro, non solo di ciò che vedo fuori. Anche un semplice flacone di plastica che all’improvviso diventa un Verdefante può insegnarcelo.

PENSARE

FARE

SCOPRI ANCHE LE ALTRE LEZIONI DI BAMBINOLOGIA

Pin It on Pinterest