Poesie sulla scuola

Scoprite tante poesie sulla scuola in questa sezione di poesie.

LEGGETE ANCHE: Filastrocche per bambini – Poesie sul bullismo – Filastrocche sulla fine dell’anno scolastico

Indice delle poesie sulla scuola

  1. Filastrocca della scuola (testo di: Alessia de Falco & Matteo Princivalle)
  2. Tutti parlano di scuola (testo di: Alessia de Falco & Matteo Princivalle)
  3. Filastrocca della pagella (testo di: Lucia Falbo)
  4. Mamma mia, vado a scuola (testo di: Germana Bruno)

Poesie sulla scuola

I testi di portalebambini.it

Filastrocca della scuola

Alessia de Falco, Matteo Princivalle

Filastrocca della scuola
dove imparo e il tempo vola;
dove leggere è un piacere,
far di conto il mio mestiere.
Dove regnano il rispetto,
l’amicizia e tanto affetto.
Questa scuola non è fantasia:
è sulla Terra ed è proprio la mia!

poesie sulla scuola 1

Volete stampare questa filastrocca illustrata? Cliccate qui.

Tutti parlano di scuola

Testo di: Alessia de Falco & Matteo Princivalle

Tutti parlano di scuola,
Si comincia, col fiato in gola
Ti sei ricordato gomma e righello?
Sbrigati, presto, fanno l’appello!
Ma alla fine a voi non importa,
Siete già pronti a varcar quella porta.
Eccola lì, la maestra vi aspetta:
di incontrarvi lei ha una gran fretta.
C’è una formula che vi vuole insegnare:
solo insieme possiamo imparare.

Filastrocca della pagella

Testo di: Lucia Falbo

Filastrocca della pagella
sarà brutta o sarà bella?
Piena sì di paroloni,
e di numeri a vagoni.
Prima la guarda la mamma
che la legge con molta calma,
poi la passa anche al papà
che chissà che ne dirà.
Miei carissimi genitori
vorrei dire ai vostri cuori
che qualunque cosa scritta
non è una vittoria né una sconfitta.
Un numero non dice quanto vale un bambino
ma come ha lavorato lungo il cammino.
La sola cosa da guardare
è l’impegno che ha messo per imparare,
i progressi lungo il percorso,
l’entusiasmo che non ha mai perso,
il sorriso con cui entra a scuola,
la sua fantasia che in alto vola.
Dunque non conta quel numerino,
che grande o piccolo non fa il bambino.
Parlate con lui, ascoltatelo tanto,
restate sempre saldi al suo fianco.

Mamma via, vado a scuola

Testo di: Germana Bruno

Ciao mammina vado a scuola,
scusa se ti lascio sola,
è già tardi e devo andare,
non ti devi preoccupare!
Sono grande ormai, lo vedi?
Tante cose devo fare,
leggo, scrivo, studio un poco,
poi ti vengo a riabbracciare,
sarà bello come un gioco,
mille cose ho da imparare.
Ecco, senti la campanella?
dammi un bacio mamma bella,
entro e tu puoi andare via,
poche ore, che vuoi che sia,
all’uscita, poi, ti prometto,
ti racconto cosa ho fatto.
Dai mammina abbi pazienza,
sarà breve la mia assenza,
come niente, il tempo vola,
adesso voglio andare a scuola!

Questa filastrocca è disponibile anche nella versione illustrata da noi; eccola qui:

filastrocche e poesie sulla scuola

Volete stampare la filastrocca illustrata? Cliccate qui.