Come posso aiutare mio figlio a fare le scelte giuste?

Domani sarò ciò che oggi ho scelto di essere.

James Joyce

Tutti noi, nel corso della nostra vita, ci troviamo di fronte a decisioni più o meno difficili. Si parte dal gusto del gelato per arrivare al percorso di studi e alle scelte di lavoro, o alla persona con cui condividere la vita. Mica facile, vero? Se noi adulti, per primi, spesso fatichiamo a decidere, possiamo ben comprendere quanto sia difficile scegliere per i bambini.

Il saggio diceva: “Il giudizio si sviluppa dall’esperienza. Il buon giudizio si sviluppa dalla cattiva esperienza”. Ed è proprio così: la saggezza nasce dalla combinazione tra esperienza e riflessione, con un pizzico di consapevolezza dei propri fallimenti e il desiderio di migliorarsi.


L’AMORE AIUTA A SCEGLIERE

Chi si sente bene con se stesso ha meno paura di scegliere, perché, fondamentalmente ha meno paura dei propri errori. Questo non significa essere imprudenti o irresponsabili, ma, più semplicemente, nutrire la giusta dose di fiducia in se stessi da osare, laddove necessario.
In gioco c’è l’amore: chi si sente amato, chi ama, riesce ad essere più sereno anche di fronte alle difficoltà. Per questo, il primo passo per aiutare i bambini ad elaborare il loro processo di decision making è amarli e dimostrare quanto crediamo in loro.

Come si può aiutare il proprio bambino a fare le scelte giuste? Vi diamo di seguito alcuni spunti di riflessione

SPUNT’ESERCIZIO: Imparare a decidere con la regola dei 5 “Proviamo a …”

1 – Proviamo a … Fare esperienza
Diamo al bambino la possibilità di fare delle piccole scelte, per imparare ad essere sicuro di sè.
(chiudiamo un occhio se la maglietta a strisce non si intona con i pantaloni a fiori, l’importante è piacersi).

2 – Proviamo a … Dare dei limiti alle scelte possibili
Poter scegliere è un diritto, ma si ha il dovere di rispettare il limiti imposti dalle regole. Impariamo dunque ad enfatizzare gli ambiti in cui il bambino può scegliere e quelli in cui invece deve attenersi alle indicazioni degli adulti.
“Puoi invitare i tuoi amici a giocare con te venerdì pomeriggio se vuoi, ma la sera andiamo dai nonni a cena e dobbiamo essere puntuali”.

3 – Proviamo a … Riflettere di più
Si può scegliere soltanto se si è capaci di un buon esame di coscienza, pensando alle possibili ripercussioni delle nostre azioni. Insegniamo ai bambini a riflettere sempre sulle proprie decisioni e sulle possibili ripercussioni.

4 – Proviamo a … Condividere il nostro processo decisionale
I bambini sono diversi da noi e questo lo sappiamo bene. Ma condividere il nostro processo decisionale significa aiutarti, come esempio, a modellare il loro. Proviamo a spiegare il modo in cui prendiamo delle decisioni e perché le prendiamo.

5 – Proviamo a … Accettare gli errori
I bambini, come del resto noi adulti, possono fare scelte sbagliate. Diamo loro l’opportunità di chiedersi se sarebbe stato meglio fare altro, imparando dagli errori. E’ il modo migliore per conoscersi. Il nostro compito, da genitori, è di resistere all’impulso di dire “Te l’avevo detto”, permettendo così la costruzione di una buona coscienza critica.

a cura di Alessia de Falco