La procedura d’inversione è una delle tecniche di pensiero laterale teorizzate dallo studioso Edward De Bono. Ecco un esempio di inversione:

Se la situazione riguarda «un poliziotto che regola il traffico», si potrebbero attuare le seguenti inversioni:

  • Il traffico regola (controlla) il poliziotto.
  • Il poliziotto ingorga il traffico.

Quale di queste due inversioni è la migliore? Entrambe funzioneranno. È impossibile dire quale elaborazione sarà più utile finché non abbia dimostrato la sua fecondità. Non è importante scegliere l’inversione più ragionevole o quella più irragionevole. Si va alla ricerca di alternative, di mutamenti, di elaborazioni stimolatrici dell’informazione”.

Esistono alcune valide ragioni per ricorrere all’inversione nella soluzione creativa dei problemi. Eccone alcune:

  • Infrangendo il modo originario di considerare la situazione, si libera l’informazione che può ricomporsi in un modo nuovo;
  • si attua l’inversione per superare il terrore di essere in errore, di compiere un passo non pienamente giustificato;
  • lo scopo principale è quello di stimolo. Attuando l’inversione si va verso una nuova posizione. Poi si vede che cosa accade;
  • di quando in quando l’approccio inverso è utile in sé“.

L’inversione può trasformarsi in un esercizio quotidiano, adatto anche ai bambini. È sufficiente inventare una situazione iniziale e lavorare poi per invertirla. Ecco qualche esempio di situazione tipica per cominciare ad esercitarsi:

  • due bambini vanno a scuola;
  • la famiglia Rossi Bianchi va in vacanza;
  • il cane ha rubato i biscotti sul tavolo.

Dalle varie inversioni, potrebbero nascere degli incipit interessanti per inventare storie. Immaginate l’ultimo dei tre scenari, quello del cane. Un’inversione potrebbe essere: “i biscotti hanno rubato il cane”, e via con la narrazione. In questo senso, l’inversione del pensiero laterale assomiglia al lavoro proposto da Gianni Rodari nella “Grammatica della fantasia“. Divertiti anche tu con le inversioni creative!

Pin It on Pinterest