La gentilezza non è una qualità unitaria, ma piuttosto una virtù che va esercitata ogni giorno. Tutti possiamo essere gentili e nessuno lo è se non pratica atti gentili in modo costante. La gentilezza dipende dal cambiamento e al tempo stesso lo genera.

Per ricordare e trasmettere questa lezione preziosa, abbiamo ideato (e sperimentato) un piccolo gioco creativo, che abbiamo ribattezzato “il quadro della gentilezza“. Non si tratta di un quadro che cambierà il mondo, ma guardarlo e realizzarlo potrebbe cambiare il nostro modo di guardare alle cose e, specialmente, alla gentilezza.

COACHING CREATIVO: REALIZZIAMO UN QUADRO DELLA GENTILEZZA

Il quadro della gentilezza è un esercizio creativo per riflettere sul fatto che la gentilezza si costruisce, giorno dopo giorno. Per farlo, chiediamo aiuto alla tecnica del collage. Per cominciare, prendiamo un foglio di cartoncino colorato (noi abbiamo usato un foglio azzurro per il cielo e una striscia verde per il prato, ma ciascuno potrà realizzare il suo ambiente preferito, anche di fantasia).

quadro della gentilezza

Adesso, è il momento di decorare il quadro della gentilezza. La regola è semplice: si aggiunge un elemento al paesaggio per ogni azione gentile che si è compiuta durante la giornata (se non sai riconoscere per bene le azioni gentili, puoi imparare ad individuarle con il gioco della rete della gentilezza). Ecco qualche esempio di decorazioni:

Naturalmente, ciascuno realizzerà le sue decorazioni: la cosa bella del quadro della gentilezza è che ciascuno potrà dare fondo alla sua creatività e alle sue capacità artistiche per realizzare un’opera unica.

Ecco il quadro che comincia a prendere forma. dopo i primi gesti gentili, affiorano sulla carta le prime decorazioni. L’idea è quella di continuare ad aggiungere elementi al nostro quadro della gentilezza, finché non sarà rimasto nemmeno un centimetro vuoto. A quel punto sarà facile rendersi conto di come le nostre azioni gentili hanno trasformato e colorato lo spazio.

quadro della gentilezza