Sappiamo dare valore al tempo? E’ una domanda importante da porsi, specialmente in un contesto dove il tempo non è mai abbastanza e, nel tentare di fare tutto, spesso ci si consuma tra frustrazione e stress. Il nostro spunto di oggi riguarda il tempo, ma non quello sempre di corsa tra casa, figli e lavoro. No, non vogliamo parlarvi di quello, bensì del tempo dei bambini.

A nostro avviso, il tempo è il miglior regalo che possiamo fare a un figlio. Occorre però che sia un tempo di qualità, apprezzato. Perchè ciò avvenga, bisogna fare un passo indietro e chiedersi:

IL VALORE DEL TEMPO PER I BAMBINI

Nella risposta, sta il segreto del tempo. Pensateci: quante volte ci innervosiamo perché i bambini “perdono tempo”? Quello del “perdere”, così come quello del “dare” sono concetti relativi: il tempo accanto a un figlio, mentre chattiamo sul nostro Iphone, è tempo perso o donato? Ci siamo veramente, o siamo solo la proiezione olografica di quello che vorremmo essere?

Come abbiamo visto nel precedente esempio, il concetto di tempo è assolutamente relativo. Per i bambini, soprattutto se molto piccoli, il tempo è ancora più aleatorio, perchè non riescono a rendersi conto di qualcosa di diverso dal “qui ed ora” (e forse è un bene!). E’ una bella sfida per mamma e papà che devono imparare a dialogare con un tempo diverso dal loro, a comprenderlo e rispettarlo. Mica semplice!

Per donare tempo di qualità, bisogna insegnare il valore del tempo. Cosa possiamo fare?

  • Innanzitutto evitiamo di innervosirci e sgridare i nostri figli se siamo noi ad avere fretta. Attenzione: non stiamo dicendo che dobbiamo pazientemente attendere i loro comodi, ma distinguere le priorità. Se sto correndo perché sono in ritardo, devo allenarmi con gli altri membri della famiglia ad una migliore organizzazione
  • Se decidiamo di andare a piedi a scuola in 5 minuti e i nostri figli si fermano a guardare tutti gli uccellini e i gattini lungo la strada, non servirà sbraitare, ma pianificare di uscire un po’ prima. È questione di abitudine e di voglia di farlo, non di tempo
  • Impariamo noi per primi a dare valore al tempo, organizzandoci. Sarà più facile gestire gli imprevisti lungo il percorso



SPUNT-ESERCIZIO: l’orologio delle attività per capire la qualità del tempo

Dato che il concetto di tempo è molto astratto, per rendere i bambini consapevoli è necessario impostare delle routine, con eventi che i più piccoli riescono a collocare nell’arco della giornata.

Tra gli esercizi e giochi che possono aiutarvi, uno dei più semplici e divertenti è l’orologio delle attività: disegnate un orologio di cartoncino, indicando le attività in ciascuna ora (senza dimenticarvi l’ora delle coccole!).

E’ una rassicurazione per i più piccoli ed un modo per l’adulto di calarsi in una dimensione che ormai sembra essersi persa nella frenesia: quella del tempo vissuto, anzichè del tempo frettolosamente consumato.

 

Pin It on Pinterest