Scuole Montessori? Ecco perché sono migliori delle altre

Un recentissimo studio (ottobre 2017) condotto dai ricercatori delle Università della Virginia e di Hatford, USA, ha cercato di analizzare le differenze tra metodo Montessori e metodo tradizionale nell’educazione dei bambini (scuola dell’infanzia) in preparazione alla scuola primaria. . Allo studio hanno partecipato 141 bambini, 70 iscritti a due scuole montessoriane e 71 ad istituti.

Qualcuno potrebbe pensare che le scuole Montessori siano in qualche modo privilegiate in quanto scuole private. Questo non è vero; in Italia come negli USA esistono numerosi istituti montessoriani pubblici; inoltre, lo studio ha suddiviso tanto le scuole tradizionali quanto quelle montessoriane tra pubbliche e private, per analizzare con maggiore correttezza i benefici educativi del metodo Montessori.

IL METODO MONTESSORI PROMETTE RISULTATI SUPERIORI ALLA MEDIA

Se complessivamente i bambini che hanno frequentato una scuola dell’infanzia montessoriana ottengono risultati accademici migliori, una differenza significativa emerge a proposito delle competenze sociali e della capacità di affrontare un problema (mastery orientation).

scuole montessori
Fonte: Capital Montessori School

Mastery orientation”, così è stata definita la competenza di acquisire nuove abilità volte a padroneggiare a fondo la capacità di risolvere un determinato problema. Una competenza a metà strada tra resilienza e la perseveranza. Questo è uno dei campi in cui le scuole montessoriane eccellono: il bambino, che può sperimentare liberamente i materiali e non è sottoposto alla verifica da parte dell’insegnante, si rivela più fiducioso in se stesso e capace di affrontare con entusiasmo la soluzione di un problema, anche di fronte ai fallimenti iniziali.

Interessante anche notare come i bambini delle scuole montessoriane pubbliche abbiano ottenuto risultati migliori di quelli delle scuole tradizionali private. Un chiaro segnale che il metodo Montessori è in grado di livellare le differenze sociali, portando ad ottenere un ottimo profitto ragazzi provenienti da classi sociali svantaggiate (tema caldo, vista la composizione sempre più eterogenea delle nostre classi).

Un campo in cui, invece, secondo lo studio citato, non emergono differenze è quello della creatività. I bimbi educati con il metodo Montessori, in altre parole, non sono più creativi degli altri;

UNA SCUOLA CHE SA FARSI AMARE

Il metodo Montessori piace anche ai bambini: i “montessoriani” si sono rivelati più interessati ai compiti di tipo accademico rispetto a chi frequenta una scuola tradizionale. Questo perché il metodo, sotto certi aspetti rigido, fornisce però un’ottima struttura alla naturale curiosità dei bambini, insegnando loro ad analizzare in autonomia.

Questo, probabilmente, dipende dal fatto che i bambini educati secondo il metodo Montessori sono liberi di scegliere con che attività intrattenersi, contrariamente al metodo tradizionale che procede “a blocchi”, lasciando scarsa possibilità di iniziativa al singolo.

Inoltre, i bambini delle scuole Montessori, hanno ottenuto elevati punteggi (superiori alla scuola tradizionale) per quanto riguarda la teoria della mente, ovvero la capacità di attribuire agli altri stati mentali, comportandosi di conseguenza. In altre parole, la socialità si sviluppa meglio seguendo un approccio montessoriano, non tanto per quanto riguarda il lavoro di squadra (nel quale non sono emerse differenze tra i gruppi) quanto piuttosto per la sensibilità nell’interazione con i compagni.

CONCLUSIONI

Tutti nelle scuole montessoriane allora? Se da un lato il metodo ha dimostrato in maniera inequivocabile i suoi vantaggi, d’altra parte gli autori dello studio sottolineano come sia fondamentale la preparazione degli insegnanti al metodo Montessori e l’adeguatezza dell’istituto.

Ancora una volta, sono proprio loro, i docenti, a fare la differenza! Questo significa che a vincere è in primo luogo il patto educativo scuola-famiglia; se poi c’è la possibilità di stringerlo con una buona scuola dell’infanzia montessoriana, tanto meglio!

Per ulteriori -interessanti- dati in merito allo studio, ma anche per trarre le vostre conclusioni, vi rimandiamo all’articolo “Montessori Preschool Elevates and Equalizes Child Outcomes: A Longitudinal Study”, in lingua inglese.


LEGGI ANCHE: a proposito di educazione montessoriana abbiamo pubblicato numerosi approfondimenti. Cominciando dal MINI-SAGGIO sul metodo Montessori, ad un articolo sulle attività montessoriane, uno sui giochi Montessori ed infine due piccoli dossier dedicati alle learning tower, le torrette dell’apprendimento, e ai lettini Montessori.

a cura di Matteo Princivalle