Alla scoperta dello storytelling creativo | Parte 1

Lo storytelling è l’arte di raccontare una storia, di catturare l’attenzione e di intrattenere, senza dimenticarsi di emozionare. Attraverso il racconto, possiamo trasmettere a chi ci ascolta un messaggio, ma anche costruire un legame: questa è la magia della narrazione

IMPARIAMO A RACCONTARE

Oggi, lo storytelling sta uscendo dai confini della pubblicità e dell’intrattenimento, nei quali è rimasto relegato a lungo, per entrare nel mondo dell’educazione. Fortunatamente, stiamo recuperando il senso profondo delle storie e della narrazione per crescere (un po’ come avveniva un tempo con le fiabe e le leggende popolari).

Raccontare, tuttavia, non è affatto scontato: se per catturare l’attenzione di un bambino è sufficiente una bella copertina colorata, per mantenerla serve qualcosa di più: una bella storia, certamente, ma anche un narratore che sappia animarla e renderla magica.

Così, abbiamo deciso di approfondire i vari aspetti dello storytelling domestico e scolastico per trasformarci in narratori e appassionare i più piccoli con i nostri racconti.

RACCONTARE SIGNIFICA GIOCARE

Questa è una lezione molto importante: chi ha detto che le storie che raccontiamo debbano rimanere sui libri? Perché non metterle in scena con un teatrino delle ombre, oppure con dei burattini?

In questo modo, porteremo la narrazione ad un livello molto più vicino a quello del bambino, un mondo che le sue manine e la sua fantasia potranno toccare, esplorare e modificare.

Spesso si confonde la narrazione con la lettura; se la lettura è un’esercizio cognitivo ed immaginativo (straordinario, beninteso), la narrazione è relazione. La narrazione, solitamente, è propedeutica alla lettura: introduce il bambino al magico mondo delle storie.

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI DEL NARRATORE

Per chi vuole diventare un narratore fatto e finito, una specie di cantastorie dei giorni nostri, capace di incantare i più piccini, ci sono alcune tecniche da approfondire. Cominciamo ad esplorare la prima: i giochi di luce e ombra.

I teatrini delle ombre sono un gioco popolare molto antico: è sufficiente qualche ritaglio di cartone ed una fonte di luce per mettere in scena qualsiasi storia. Luce e ombra daranno vita a veri e propri spettacoli che i bambini apprezzeranno moltissimo.

IL TEATRO DELLE OMBRE (ILLUSTRATO)

Un libro-gioco, che contiene le sagome da ritagliare e le scenografie per giocare con alcune delle fiabe più apprezzate di sempre: Cappuccetto Rosso e Hansel e Gretel.
Se volete cominciare da un teatrino delle ombre già costruito (con cura), questo libricino è quello che fa al caso vostro.

Il teatro delle ombre > su Amazon.it

OMBRE CINESI: L’ARTE DI GIOCARE CON LA LUCE

Una tecnica ludica che è anche arte e che si può adattare con semplicità alla narrazione. Immaginiamo una cameretta la sera, con una piccola luce che illumina la parete e i personaggi delle nostre storie che spuntano come per magia: conigli, cavalli e draghi, ma anche dame e stregoni.

Certo, prima di riuscirci con scioltezza, potrebbe servire un po’ di pratica. Questo testo, ad opera del famoso mago Louis Nikola, ci guiderà nel mondo delle ombre cinesi cominciando dalle figure più semplici per arrivare a quelle davvero intricate.

Ombre cinesi. L’arte di giocare con la luce > in offerta su Amazon.it