Uno scatto d’amore

Quante fotografie si scattano oggi… Questa parola deriva dal greco (φῶς, φωτός), luce e -grafia (γραϕία), scrittura ovvero “scrittura di/con la luce”. Da questa riflessione etimologica è nato il laboratorio pedagogico “Uno scatto d’amore”, a cura di Marta Tropeano.

Uno scatto d’amore

di Marta Tropeano

Uno scatto inaspettato, dolce come il miele…
Un film in bianco e nero.
Uno scatto delicato, da appuntare al cuore…
che ti faccia sentire come un cielo sereno.
Ecco lo scatto d’amore perfetto, non c’è nessun effetto
solo emozione che fa brillare il cuore.
Uno scatto luccicante pieno di meraviglia,
una mamma che tiene in braccio la sua bimba.
Un ricordo dolce ed ecco uno scatto inebriante.
Uno scatto affettuoso che ci risvegli dolcemente.
Uno scatto di tenerezza.
Un clic di bontà, occhi a cuore…
che ci incanti di bellezza.

Il laboratorio è molto semplice: catturiamo la luce dei ricordi belli, che ci fanno sorridere e che ci riempiono d’amore. Appuntiamola al cuore attraverso un disegno, per rievocarla nei momenti più tristi, quando occorre la speranza.

Link per stampare questa scheda: Uno scatto d’amore.