Cinque cose da fare in vacanza per crescere insieme

Trovo affascinante che la maggior parte delle persone pianifichi le loro vacanze con molta più cura di quanto non facciano con la loro vita. Forse perché scappare è più facile che cambiare.

Jim Rohn

In questo periodo di foto instagrammate al mare, post di madri e padri più o meno stanchi, dubbi su come e dove passare l’estate, oltre a spezzare una lancia, come sempre, a favore dell’ozio e di routine più blande, vogliamo proporvi un percorso di crescita personale e familiare.

Non spaventatevi, nulla di impegnativo. Per noi, la vacanza è speciale nella misura in cui si condividono esperienze, al mare, in montagna o in città. Spesso si tratta di piccole cose, come fermarsi da panettiere e farsi rapire dal profumo delle baguettes fresche anzichè entrarci di corsa, innervositi dalla coda e dal poco tempo.

Crescere è anche questo: saper vivere a pieno ogni emozione, anche nelle occasioni a cui normalmente non prestiamo attenzione.

Cos’è la crescita personale e perché è importante in famiglia?

La crescita personale è un percorso che ognuno può fare dentro di sì, per sviluppare competenze specifiche come la gestione delle emozioni, la resilienza, l’empatia, l’adattabilità, la creatività e, più in generale, quelle che vengono definite soft skills. Sono tutte abilità che possiamo apprendere, potenziare, allenare e migliorare nel tempo e che, ovviamente, servono in ogni ambito della vita.

Ciò che spesso sottovalutiamo è che allenarsi non significa necessariamente seguire corsi o prepararsi in modo mirato: basta acquisire maggiore consapevolezza della propria quotidianità. Nel day-by-day scopriamo noi stessi e il rapporto con gli altri: perché non proviamo a riscoprirci durante le vacanze?

Per iniziare un programma di crescita personale occorre darsi qualche obiettivo, analizzando i nostri punti di forza e debolezza. Le ferie estive sono un ottimo punto di partenza: cambiano le routine, si sta a contatto con i bambini 24 ore su 24, spesso si mette a dura prova la propria pazienza. A volte, mamme e papà sbottano dicendo che le vacanze sono peggio di un  lavoro: arrivati a questo punto forse è il caso di fermarsi e provare a pianificare un mini percorso da fare in famiglia, proprio durante il periodo estivo.

Ecco cinque consigli utili da sperimentare tutti insieme:

1 Scegliete la vostra colonna sonora delle vacanze: quali canzoni ascoltate in macchina o mentre siete in giro? E’ una piccola routine che può aiutarvi a superare i momenti “più difficili”, dove capricci e noia raggiungono l’apice

 2 I ricordi sono importanti e possono trasformarsi, in autunno, in lavoretti. Fate scorta di sassolini bianchi e neri, vetrini colorati, conchiglie, creando magari una scatola dei ricordi o un collage foto

3 Rinnovatevi e sfidatevi, magari assaggiando un piatto nuovo e o tipico del luogo di vacanza

4  Leggete insieme un libro ogni giorno dopo pranzo per godersi un po’ di ombra e di relax

5 Provate a fare qualcosa di nuovo o a superare una difficoltà insieme, anche solo mettere la testa sott’acqua o nuotare oltre il limite raggiunto il giorno prima
Ricordate che la vacanza è tale perché si abbandonano le routine e gli schemi mentali: provate a mandare in ferie i vostri e guardare il mondo con occhi nuovi.

a cura di Alessia de Falco