La relazione causa – effetto è una delle prime relazioni logiche che i bambini affronteranno durante gli anni della scuola primaria (solitamente nella seconda classe). Questa relazione è particolarmente importante per poter studiare correttamente le altre discipline: storia e scienza, per fare due esempi, si fondano sull’analisi di cause ed effetti. Non a caso, molti manuali inseriscono l’argomento “causa effetto” proprio nel programma di storia.

RELAZIONI CAUSA – EFFETTO

Ecco un classico esempio di relazione causa – effetto:

  • È scoppiato un temporale (causa) perciò apriamo l’ombrello (effetto)“.
  • Apriamo l’ombrello (effetto) perché è scoppiato un temporale (causa)“.

Le relazioni di causa – effetto si esprimono utilizzando le congiunzioni perciò e perché. Dopo la parola perciò viene spiegato l’effetto che una certa causa ha prodotto. Dopo la parola perché viene spiegata la causa che ha prodotto un certo effetto. Ecco come costruire le frasi con le congiunzioni perciò e perché:

  • CAUSA – PERCIÒ – EFFETTO 
  • EFFETTO – PERCHÉ – CAUSA

Per rendere più semplice l’apprendimento di questa costruzione, puoi scegliere di utilizzare due colori, uno per la causa e uno per l’effetto.

Esistono altre due parole per esprimere le relazioni causa – effetto:

  • Dunque, che è sinonimo di perciò
  • Poiché, che è sinonimo di perché.

Ecco due esempi:

  • È scoppiato un temporale dunque apriamo l’ombrello“.
  • Apriamo l’ombrello poiché è scoppiato un temporale“.

ESERCIZI CON LE RELAZIONI CAUSA – EFFETTO

Un esercizio molto efficace per lavorare sulle relazioni causa – effetto è quello di rappresentare graficamente cause ed effetti utilizzando la linea causale. Sulla sinistra della linea viene collocata la causa e sulla destra l’effetto prodotto.

Esiste una seconda alternativa grafica alla linea causale: il ciclo causa – effetto. Scegliendo questa rappresentazione grafica, si realizzeranno due archi, uno che parte dalla causa e raggiunge l’effetto, con la didascalia “perciò”, l’altro che parte dall’effetto e raggiunge la causa, con la didascalia “perché”.

La soluzione ottimale è quella di alternare i due esercizi, in modo tale che i bambini imparino a lavorare in modo flessibile con cause ed effetti. Di seguito puoi trovare alcune schede stampabili per le esercitazioni. In ciascuna scheda troverai delle coppie causa – effetto: ritaglia le figure rappresentate e falle incollare sul quaderno, utilizzando la linea causale o il ciclo causa – effetto.
In fondo alla pagina troverai una scheda con le figure mescolate che puoi utilizzare come verifica.

Vuoi stampare questa scheda? Clicca qui.

causa effetto scuola primaria 2

Vuoi stampare questa scheda? Clicca qui.

causa effetto scuola primaria verifica

Vuoi stampare questa scheda? Clicca qui.

Pin It on Pinterest