Questa è una breve storia che ci aiuta a riflettere sul senso del nostro tempo e della nostra vita: siamo sicuri di spenderli al meglio?

IL PESCATORE E L’UOMO D’AFFARI

Un giorno, un uomo d’affari si fermò in un piccolo villaggio di pescatori sulla costa: la sua macchina si era fermata all’improvviso e il meccanico gli aveva detto che ci sarebbero volute alcune ore a ripararla. Così, l’uomo d’affari aveva deciso di fare una passeggiata sulla spiaggia.
Lì incontrò un pescatore: stava pescando bene e l’uomo d’affari gli fece i complimenti. “Quanti pesci riesci a pescare in un giorno?”.
“Due o tre, quanto basta per preparare il pranzo e la cena” rispose il pescatore.
“E quanto tempo impieghi?”
“Dipende. A volte mezz’ora, a volte un paio d’ore”.
“E poi cosa fai?” chiese l’uomo d’affari incuriosito.
“Vado a bere qualcosa con i miei amici, faccio un riposino, canto e suono; sa, a me piace suonare il piano, ho un vecchio pianoforte a casa”.
L’uomo d’affari interruppe il pescatore: “lei ha una fortuna sotto il naso e nemmeno se ne accorge. Se pescasse dalla mattina alla sera potrebbe vendere il pesce al mercato e mettere via un gruzzoletto. Dopo qualche mese potrebbe assumere degli altri pescatori alle sue dipendenze e noleggiare una barca più grande”.
“E cosa me ne faccio di una barca più grande?” domandò il pescatore.
“Lei è fortunato, io ho studiato in una delle migliori università del paese e posso darle una mano; del resto il meccanico ha detto che devo aspettare qualche ora. Se invece che due o tre pesci ne pescasse qualche quintale ogni giorno potrebbe venderlo direttamente al mercato del pesce, in qualche grande città. Nel giro di dieci anni metterà su un’impresa e guadagnerà milioni. Entro vent’anni potrà quotare la sua azienda sul mercato e vendere tutte le sue azioni: così guadagnerà miliardi”.
“E poi?”
“Quando sarà ricco potrà ritirarsi in un piccolo paesino, magari sul mare. Lì potrà dormire fino a tardi, pescare un po’, bere qualcosa e divertirsi con gli amici e fare quel che le piace”.
Il pescatore non capiva: “Cioè, lei mi sta dicendo che dovrei lavorare giorno e notte per vent’anni per tornare a fare la vita che già faccio?”.
Gli uomini d’affari, alle volte, sono davvero strani.

Pin It on Pinterest