La leggenda delle rose rosse

LA LEGGENDA DELLE ROSE ROSSE

Alessia de Falco & Matteo Princivalle

Molto tempo fa, la Primavera trovò un seme che non aveva mai visto prima e decise di seminarlo nel suo giardino. Nacque una piccola rosa con le foglie brillanti e un unico fiore, bianco come la neve.
“Come sei bella” disse la Primavera alla pianticella; “Adesso sei piccolina, ma quando sbocceranno tutti i tuoi fiori, diventerai la principessa del giardino”.
Durante la notte, la rosa, che era una pianta terribilmente vanitosa, si sforzò di far crescere tante altre gemme: voleva superare in bellezza tutti i fiori.
Purtroppo fu troppo frettolosa e nacquero soltanto spine.
La mattina seguente la Primavera uscì in giardino e si avvicinò alla rosa; allungò una mano per accarezzarla ma le spine la graffiarono tutta.
“Ahi” strillò la Primavera ritirando la mano.
“Scusaci” mormorò la rosa, arrossendo per la vergogna, “Sono una pasticciona. Volevo far sbocciare tanti altri fiori per mostrarti quanto erano belli e invece sono cresciute solo spine. Mi dispiace tanto”.
“Ci vuole pazienza” le disse con calma la Primavera, “presto sbocceranno tanti altri fiori, ma devi imparare ad aspettare”.
La vergogna fu tale che la poveretta, da bianca che era, divenne rossa, paonazza.
“Che bel colore che hai preso: sei vivace come il fuoco e nobile come il rubino. Adesso sei davvero la principessa di questo giardino. A volte, anche dai pasticci nasce qualcosa di buono”!

AUDIOFIABA

SCOPRITE LE FAVOLE SAGGE

Due favole illustrate per insegnare a grandi e bambini i segreti di una vita felice e in armonia con la Terra e con i suoi abitanti. Cliccate sulla copertina qui sotto per scoprire l’anteprima del libro: