“Cosa rende la vita degna di essere vissuta”? La Psicologia Positiva è la disciplina – recentissima – che cerca di rispondere a questa domanda. La Psicologia Positiva studia il benessere degli individui e dei gruppi, e si occupa di individuare teorie e pratiche per promuovere il benessere.

Cosa vuol dire studiare il benessere? Per cominciare, superare l’idea di “felicità”, ovvero che il benessere sia una vita “felice 7 giorni su 7, h24”. Ci sono tanti altri fattori in gioco e sono tutti importanti: “Un sorriso non è un indicatore infallibile di tutto ciò che rende la vita degna di essere vissuta. Quando siamo profondamente coinvolti in attività appaganti, quando parliamo con il cuore o quando compiamo un gesto eroico, non è detto che ci mettiamo a sorridere o che in quel momento proviamo piacere. Tutti questi aspetti sono di grande interesse per la psicologia positiva e non rientrano nel campo della felicitologia“. (Christopher Peterson)

Psicologia Positiva non è – solo – lo studio della felicità!

Anche il concetto di benessere individuale presenta dei limiti. Recentemente, gli studiosi di Psicologia Positiva e di intelligenza emotiva si sono accorti che il benessere individuale non è tutto: il benessere di gruppo (famiglia, classe, azienda) è altrettanto fondamentale ed esercita un’azione importante su ciascuno di noi.

I CINQUE PILASTRI DELLA PSICOLOGIA POSITIVA

La Psicologia Positiva si fonda su cinque pilastri: cinque aree di studio che rappresentano la frontiera scientifica del benessere individuale e del benessere collettivo. Di seguito abbiamo elencato questi pilastri: per ciascuno di essi potete trovare letture chiave e approfondimenti utili a comprenderli meglio.

LE DIMENSIONI DEL BENESSERE

Inizialmente il benessere era legato principalmente alle emozioni positive: nella prima fase della Psicologia Positiva, la felicità era al centro delle ricerche. Questa prospettiva è stata ampiamente superata: il modello PERMA, introdotto da Martin Seligman nel 2012, ha superato questo limite individuando 5 elementi chiave per il benessere.
L’obiettivo della Psicologia Positiva è il flourishing, ovvero la “fioritura” dell’essere umano e il dispiegamento di tutto il suo potenziale. Lavorare sulle cinque dimensioni del modello PERMA è la via maestra per raggiungere il flourishing.

LETTURA CHIAVE: La teoria del benessere

APPROFONDIMENTI E LABORATORI ESPERIENZIALI

IL CARATTERE

Accanto al benessere e alle sue dimensioni, la Psicologia Positiva contiene in sé le Scienze del Carattere, ovvero tutti quei filoni di ricerca che si occupano dello studio del carattere individuale, delle virtù e di come questi due elementi contribuiscano al benessere individuale e collettivo. Le Scienze del Carattere si fondano sui punti di forza e sulla credenza che conoscere e coltivare i punti di forza di ciascuno di noi sia una buona metodologia per lavorare, indirettamente, sulle cinque dimensioni del benessere.

Gli studiosi delle Scienze del Carattere hanno utilizzato il concetto di punti di forza caratteriali (Character strenghts in inglese, noi abbiamo sintetizzato il concetto come “punti di forza”) distinguendoli dai talenti: il talento è innato e non modificabile, mentre i punti di forza sono innati, ma tutti noi li possediamo e tutti noi possiamo lavorare su ciascuno di essi.

LETTURE CHIAVE: Ciascuno di noi ha i suoi punti di forza. Ecco quali sono

APPROFONDIMENTI E LABORATORI ESPERIENZIALI

OTTIMISMO

L’ottimismo, oggetto di studio recente della Psicologia Positiva, è un fattore determinante per il benessere individuale ed è un potente stimolo per il benessere del gruppo. Secondo gli studiosi di Psicologia Positiva, l’ottimismo si può imparare ed è legato al modo in cui ciascuno di noi spiega a se stesso gli eventi che gli accadono nella vita quotidiana.

LETTURA CHIAVE: L’ottimismo. Una visione scientifica

APPROFONDIMENTI E LABORATORI ESPERIENZIALI

GRINTA E RESILIENZA

La grinta è la capacità di perseguire i propri obiettivi con determinazione e motivazione, senza arrendersi di fronte alle difficoltà e senza perdere di vista la meta finale. La resilienza, invece, è la capacità di far fronte alle sconfitte e alle difficoltà adattandosi e trovando opportunità di crescita anche in queste occasioni.

LETTURA CHIAVE: Grinta e motivazione

LETTURA CHIAVE: Resilienza

APPROFONDIMENTI E LABORATORI ESPERIENZIALI

EMOZIONI POSITIVE E INTELLIGENZA EMOTIVA

Le emozioni positive, che in una prima fase di studio erano al centro dei dibattiti della Psicologia Positiva, continuano ad essere importanti, ma sono entrate a far parte di un quadro più grande. Tra le letture chiave abbiamo inserito il nostro workshop “Le emozioni positive”, nel quale troverete le più recenti teorie scientifiche sul ruolo delle emozioni positive e un percorso di laboratori esperienziali per diventare consapevoli delle nostre emozioni.

LETTURA CHIAVE: Le emozioni positive. Micro-momenti e risonanza positiva

LETTURA CHIAVE: L’intelligenza emotiva

Pin It on Pinterest