L’arcobaleno Colorino e la magia dei colori

l'arcobaleno colorino e la magia dei colori

Testo di: Alessia de Falco & Matteo Princivalle

C’era una volta un paese che si chiamava Arcobalenia.
Lì vivevano tanti arcobaleni, ognuno nella sua casetta fatta di nuvole.
In una di queste casette abitava Colorino, un piccolo arcobaleno curioso e vivace, sempre alla ricerca di nuove avventure.
Una volta era volato fino a raggiungere lo Stregone dei Lampi e si era fatto rivelare i segreti del temporale.
Un’altra volta era saltato in groppa ad un nuvolcorno e aveva raggiunto le stelle nello spazio aperto.
Insomma: Colorino non stava mai fermo!
I suoi genitori lo osservavano preoccupati.
“Colorino, non allontanarti troppo, resta qui a giocare. Prima o poi ti metterai nei guai ”.
Ma lui non li ascoltava mai.

Un giorno, Colorino decise di andare a far visita alla fata Pioggerella che stava organizzando le nuvolette di marzo, un mese davvero pazzerello, un giorno brutto ed uno bello.
Colorino chiamò il suo nuvolcorno per raggiungere più in fretta la casetta della fata, che era dall’altra parte del cielo.
Ad un certo punto però, mentre si aggirava tra le nuvole, sentì qualcuno che singhiozzava.
Si avvicinò e si accorse che davanti a lui c’era una piccola arcobalenina, tutta grigia.
“Ciao. Che fine hanno fatto i tuoi colori?” le chiese Colorino.
“Non lo so! Una mattina mi sono svegliata tutta grigia, non so proprio cosa sia successo”.

Colorino non ci pensò due volte e decise di aiutare la sua nuova amica.
“Non preoccuparti, ti donerò tre dei miei colori, così non sarai più triste!”
Prese l’azzurro, l’indaco e l’arancione e li regalò alla piccola arcobalenina: “Non è molto, ma è tutto quello che posso darti”.
Lei lo guardò con gli occhi lucidi per la felicità e indossó i colori che aveva ricevuto in dono da Colorino: era bellissima!
“E tu come farai? Ti sono rimasti solo quattro colori!” disse preoccupata a Colorino.
“Non preoccuparti per me” rispose lui.
“Ho tre colori in meno, ma ho trovato una nuova amica! Chi può essere più felice di me?”.
Colorino abbracciò l’arcobalenina e da quel giorno i due divennero inseparabili. decisero che insieme avrebbero risolto il mistero degli arcobaleni tutti grigi e avrebbero riportato tutti i colori in ogni angolo di Arcobalenia.

Vi piacciono i nostri racconti? Scopritene tanti altri nell’Almanacco del Bruco Mangianoia: