Il feltro è un materiale molto apprezzato per lavoretti e idee fai da te. Il merito è della sua consistenza morbida, del fatto che non si sfilaccia nel tagliarlo e anche della gamma di colori molto ampia. Spesso chi si appresta a provare ha qualche dubbio legato alle proprie abilità con ago e filo: il feltro ha il pregio di non sfilacciarsi e non richiede cuciture, al netto, in alcuni casi, di un’imbastitura a punto festone. Anche chi non è una sarta provetta può dunque provare, visto che esistono soluzioni in cui si usa esclusivamente la colla a caldo. Oggi parliamo in particolar modo di queste ultime, dato che sono le più facili da realizzare.

Cos’è il feltro

Il feltro è un materiale antichissimo, ma sempre attuale, ottenuto mediante l’infeltrimento della lana. Di solito per produrlo viene impiegata la lana cardata di pecora. Essa viene bagnata con l’acqua calda ed impregnata di sapone, secondo l’operazione definita follatura. E’ questa procedura che permette di compattare il tessuto.

Un prodotto simile è la lana cotta, che però viene ottenuta dalla lana cardata e filata. Il tessuto di lana cotta viene realizzato mediante la lavorazione a maglia di filato di lana e grazie alla follatura, che ne causa il restringimento fino a un terzo.

Cosa si può fare con il feltro

Il feltro si presta alla realizzazione di lavoretti e gioco, come piccoli pupazzi, quiet book o, ad esempio, mini kit di frutta e verdura. Per i bambini rappresenta un’ottima opportunità di giocare senza farsi male e, soprattutto, con un materiale assolutamente atossico. Da dove iniziare? Ecco qualche idea per ispirarvi:

  • portachiavi: si realizza un soggetto a piacere (gufetto, fruttino, cuore) e gli si attacca una piccola fettuccia di raso, velluto, cotonina, perline e via dicendo e l’oggettino (in forma ridotta) diventerà un portachiavi!
  • pochette: se si piega a metà un foglio, avendo l’accortezza di chiudere i due lati con la colla a caldo o con una semplice imbastituta, abbiamo una piccola borsa, cui possiamo aggiungere una cerniera o un bottone in alto per chiudere, e volendo, un nastro o una treccia di lana come tracolla.
  • bijoux in feltro: cucendo fiorellini o arrotolando il feltro a formare roselline li si potranno usare per personalizzare collane, braccialetti, oltre che decorare fermacapelli e cerchietti.
  • cuscini: si possono creare dei simpatici paesaggi, tagliando nuvole, alberi, sagome di animati e applicandoli sulla base.
  • bambole: con gli appositi cartamodelli e un po’ di abilità è possibile realizzare bambole e animaletti molto buffi.

Creare con il feltro

Per creare oggetti e decori con il feltro servono pochi materiali e una minima capacità manuale. Ecco cosa recuperare:

  • feltro: si può acquistare al metro, presso i negozi di tessuti di articoli di hobbistica o nei grandi centri del fai da te. In alternativa, lo trovate online, ad esempio su Amazon.
  • forbici: scegliete quelle per i tessuti che tagliano con maggiore precisione. Esistono anche cutter elettrici specifiche per questo materiale.
  • filo: fili di cotone, mulinè se volete imbastire. Si fa tutto a mano, senza macchina da cucire.
  • aghi: se cucite, avrete bisogno di un ago da ricamo: di solito vengono realizzate cuciture a punto filza e a punto festone.
  • colla a caldo: se proprio non ne volete sapere di imparare a cucire potete usare la colla a caldo. Va meglio per piccoli oggetti, meno per borsette e pochette che, grazie alle cuciture, diventano più resistenti.
  • cartamodelli: sono facoltativi ma aiutano a creare un disegno più preciso. Poggiate il cartamodello con la raffigurazione sul tessuto, tracciate le linee dei bordi con il gesso e tagliate.
  • imbottitura: se volete realizzare cuscini o bamboline in feltro, dovete procurarvi cotone per l’imbottitura.

Un esempio: creare una rosa in feltro

Avete presente la rosa di cui si prendeva cura il Piccolo Principe? Proviamo a realizzarne una col feltro:

  • Tagliate un rettangolo, arrotondando leggermente i bordi. Ispirandovi ad una goccia, tagliate i petali e disponete i più grandi all’esterno e i più piccoli all’interno.
  • Poi prendete un rettangolino di feltro e arrotolatelo su se stesso, fermando sul fondo con un piccolo punto di cucitura. Ottenuta la parte interna della rosa, iniziate ad applicare i petali che avete tagliato: prima i piccoli, poi quelli più grandi.
  • Arricciate leggermente i petali con le dita per regalargli un aspetto più realistico e morbido. Terminata la rosa, ricordate di fermare la base poggiandola su un tondino di feltro e lavorandola con il punto festone.

E’ uno splendido ornamento per decorare borse, sciarpe, spille e collane.

Dove trovare i materiali per lavorare il feltro?

Cartamodelli: se volete usare il feltro, potete, oltre che ritagliare un vostro disegno (ad esempio la sagoma di un fiore), scaricare numerosi cartamodelli in rete. Su Pinterest trovate parecchi esemi e spunti: https://it.pinterest.com/explore/felt-patterns/?lp=true

Fogli di feltro: il prezzo dipende dalla qualità e dalle dimensioni; solitamente si trovano in formato 30x30cm, in confezioni da 50/60 fogli con un prezzo indicativo di 20€. Noi vi consigliamo quelli prodotti da Soledì, che potete trovare qui.

Kit creativi completi: Lisciani produce un bellissimo kit, Creazioni col feltro, contenente 7 fogli di feltro, forbici, colla e alcuni accessori simpatici come occhietti e stickers con cui decorare le proprie creazioni. Il tutto al prezzo di 10,99€. Un buon affare, ma soprattutto un bel regalino creativo!

Lo trovate qui:

 

   

Pin It on Pinterest