L’energia è la capacità di un corpo di compiere un lavoro. Ecco alcuni esempi di energia:

  • i raggi del Sole che riscaldano l’acqua facendola evaporare;
  • un bambino che lancia una palla;
  • il vento che muove le foglie sugli alberi;
  • l’acqua di un fiume che trascina un ramoscello.

La definizione di energia è utile per descrivere i fenomeni naturali, ma:  “È importante tener presente che nella fisica odierna, non abbiamo alcuna conoscenza di cosa sia l’energia” (Richard Feynman, vincitore del premio Nobel per la fisica nel 1965).

Esistono diversi tipi di energia:

  • energia meccanica;
  • energia elettrica;
  • energia eolica;
  • energia mareomotrice;
  • energia termica;
  • energia chimica.

FONTI DI ENERGIA

Una fonte di energia è una sorgente di energia che l’uomo può utilizzare per compiere un lavoro o per produrre calore. Ecco qualche esempio:

  • il Sole è una fonte di energia: i suoi raggi riscaldano la Terra. L’uomo sfrutta l’energia solare termica per riscaldare l’acqua grazie al calore del Sole e l’energia solare fotovoltaica per trasformare il calore dei raggi in energia elettrica;
  • l’acqua è una fonte di energia: la forza dell’acqua in movimento (ad esempio quella di una cascata o delle onde) si può utilizzare per far muovere delle pale. Un tempo si utilizzava la forza dell’acqua per azionare i mulini; oggi utilizziamo la forza dell’acqua per muovere le turbine idroelettriche, che producono energia elettrica;
  • il carbone, la benzina e il petrolio sono fonti di energia: si possono bruciare per produrre energia elettrica o per far muovere gli oggetti. Le automobili, ad esempio, si muovono bruciando benzina o petrolio;
  • anche il cibo che mangiamo è una fonte di energia: esso infatti permette al nostro corpo di muoversi, al nostro cuore di battere e al nostro cervello di controllare pensieri e movimenti.

Le fonti di energia si possono dividere in due insiemi:

  • fonti di energia rinnovabili, che sono sempre a disposizione dell’uomo; il Sole è un esempio di fonte di energia rinnovabile, infatti i suoi raggi riscaldano il pianeta tutti i giorni;
  • fonti di energia non rinnovabili, che dopo essere state utilizzate sono consumate per sempre; il petrolio è un esempio di fonte di energia non rinnovabile: sulla Terra è disponibile in quantità limitata e dopo esser stato bruciato non può più essere utilizzato.

Le fonti di energia termica non rinnovabili, come il carbone, presentano due grossi svantaggi: il primo è rappresentato dal fatto che si esauriranno (dunque non potremo utilizzarle per sempre); il secondo è rappresentato dal fatto che attraverso la combustione producono grandi quantità di anidride carbonica. L’anidride carbonica si libera nell’aria, causando il riscaldamento globale.

Pin It on Pinterest