Poesie sulla Terra

Scoprite tante poesie sulla Terra in questa sezione di poesie.

LEGGETE ANCHE: Poesie sulla primavera – Storie e leggende di primavera – Filastrocche sui fioriFilastrocche sulla primaveraPoesie sui fiori

Indice delle poesie sulla Terra

  1. Natura, vattene! (testo di: Gianni Rodari)
  2. da “Cedi la strada agli alberi” (testo di: Franco Arminio)
  3. La sete delle piante (testo di: Roberto Piumini)
  4. Filastrocca del ciclamino (testo di: Alessia de Falco e Matteo Princivalle)
  5. Salviamo la Terra (testo di: Monica Sorti)
  6. L’ombelico del mondo (testo di: Silvia Buda)
  7. Rispetto per l’insetto (testo di: Monica Sorti)
  8. Terra inquinata (testo di: Antonella Berti)
  9. Girotondo girotondo (testo di: Erika Porro)
  10. La Terra (testo di: Marzia Mistretta)
  11. La Terra dallo spazio (testo di: Luigi Finucci)
  12. Amiamo la Terra (testo di: Teresa Barbone)

poesie sulla terra

Poesie sulla Terra

I classici

Natura, vattene!

Testo di: Gianni Rodari

Natura, vattene!
Le gridarono:
“Vattene, Natura!”.
Lei si prese paura.
Fece il suo fagottello:
ci mise dentro
l’ultimo alberello,
l’ultima viola
dell’ultima aiuola
e uscì dalla città.
E va, e va…pensava:
“Mi fermerò nei boschi!”.
Ma i boschi erano stati
disboscati.
“Mi fermerò nei prati!”.
Ma erano tanto piccoli:
non c’era posto per tutti
gli insetti, i mammiferi,
gli uccelli, i tramonti…
“Vattene, Natura!”
E lei se ne andò:
in quattro ripiegò
gli ultimi prati
come fazzoletti.
Lasciò il pianeta
AccaZeta…
Adesso lassù
è tutta una città:
di verde – ve lo posso
giurare – c’è rimasto
solo il semaforo,
quando non è rosso.

da “Cedi la strada agli alberi”

Testo di: Franco Arminio

Abbiamo bisogno di contadini,
di poeti, gente che sa fare il pane,
che ama gli alberi e riconosce il vento.
Più che l’anno della crescita,
ci vorrebbe l’anno dell’attenzione.
Attenzione a chi cade, al sole che nasce
e che muore, ai ragazzi che crescono,
attenzione anche a un semplice lampione,
a un muro scrostato.
Oggi essere rivoluzionari significa togliere
più che aggiungere, rallentare più che accelerare,
significa dare valore al silenzio, al buio, alla luce,
alla fragilità, alla dolcezza.

La sete delle piante

Testo di: Roberto Piumini

Stanno le piante asciutte
coi loro steli secchi,
le foglie sono brutte,
i fiori sono vecchi.
Viene la pioggia lieve,
viene la pioggia forte,
e viene perchè deve
sconfiggere la morte.
E steli, foglie, fiori,
la sete più non hanno:
come dei freschi amori
le verdi piante stanno.

I testi di portalebambini.it

Filastrocca del ciclamino

Testo di: Alessia de Falco & Matteo Princivalle

Filastrocca del ciclamino
ne donerei uno ad ogni bambino.
Per riempire il mondo di fiori
che ce ne siano di tutti i colori.
Per seminare altruismo e bellezza
pace e lentezza, amore e leggerezza.
Per ricordarci di non fare la guerra
alla nostra cara e bella Terra.

Salviamo la Terra

Testo di: Monica Sorti

Un brutto dì la Terra lanciò un grido d’aiuto,
l’Universo l’ascoltò veramente dispiaciuto,
l’ascoltarono le stelle, l’ascoltarono i pianeti,
l’ascoltarono perfino gli asteroidi ed i magneti.
La povera Terra era triste e preoccupata,
l’atmosfera intorno a lei era ormai surriscaldata.
“E’ troppo caldo il mare”, sospiravano i granchi,
mentre piangevan disperati gli orsi bianchi.
“Si scioglieranno i ghiacci, avremo sempre più deserti”,
sentenziavano studiosi e grandi esperti.
La saggia Luna, dall’alto del suo cielo,
disse: “Forse riusciamo a salvarti per un pelo!
Spieghiamo ai bambini, che sono il futuro del mondo,
cosa fare per renderlo di nuovo più fecondo.
Basta sprechi di cibo, si ricicli l’abbigliamento,
si risparmi sull’energia e sul riscaldamento.
L’acqua sia usata con parsimonia ed attenzione,
la carta vada in un cesto, la plastica in un bidone.
Quando è possibile, anche se si è di fretta,
non ci si sposti con l’automobile ma con la bicicletta.
Si tenga pulito l’ambiente, si curino le piante,
se farà tutto questo ogni singolo abitante
e l’impegno sarà diffuso e condiviso,
alla fine la Terra ritroverà il sorriso.

L’Ombelico del Mondo

Testo di: Silvia Buda

Questo è l’ombelico del mondo
ed è un posto assai giocondo.
La nostra amica Terra
che per noi è la più bella
ha bisogno di una mano,
ha bisogno di un brano
che parli di amore e di rispetto,
di sapienza e di intelletto.
Un solo canto di unione
che si alza da Nord a Sud
e che recita lo stesso mood:
“Rispettiamo il nostro Pianeta
dalla A fino alla Zeta!”

Rispetto per l’insetto

Testo di: Monica Sorti

In città o in mezzo alla natura
le nostre scarpe agli insetti fan paura.
Quindi, che tu abbia sandali o stivali,
fai attenzione ai piccoli animali.
Sull’asfalto si mimetizzan che è un piacere
le formichine completamente nere.
Invece si confonde tra l’erbetta
la verde e saltellante cavalletta.
Se per sbaglio cadi dall’amaca
controlla che sotto non ci sia qualche lumaca.
E guarda bene dove metti la cartella!
Potrebbe esserci in giro qualche coccinella.
Capita che, dopo un forte acquazzone
corri il rischio di incrociare un lumacone,
oppure che, con il tuo calcagno,
ti ritrovi a pestare un grosso ragno.
Che tu sia un adulto, un ragazzino o un infante,
rispetta sempre questa regola importante:
se per terra c’è qualcosa che a fatica si vede,
stai attento a dove metti il piede.

Terra inquinata

Testo di: Antonella Berti

Ciao, mi presento, io son la Terra
pennellate di verdi rosa, arancioni,
rossi, neri, blu, gialli, marroni…
i miei colori una volta eran belli…
tempere, acrilici, olii, acquarelli,
lasciavano il segno su tele di artisti
luoghi bellissimi per i tanti turisti,
cieli fantastici, prati fioriti ,
monti maestosi, strapiombi arditi.
Esseri umani dai tanti colori,
usi e costumi, diversi i sapori.
Però da un pezzo son un po’ maltrattata,
ed è per questo che mi sento avvilita
l’uomo che dice di esser intelligente
sta dimostrandosi assai negligente
riempendo oceani, mari ,terreni
d’ immondizia e di veleni….
e gli animali devon star male
colpa del continuo disastro ambientale….
se, uomo caro, sarai più corretto,
portandomi ancora il dovuto rispetto,
ci farai solo tanto bene,
cosa che ad entrambi comunque conviene….

Girotondo girotondo

Testo di: Erika Porro

Gira la terra, gira il mondo
Il sole e la luna ci fan compagnia
Quando arriva uno l’altro va via
Girotondo girotondo
Quante le stelle nello spazio profondo
Se giro io, gira anche tu
Intorno alla terra il mare è blu
Giriamo insieme tutt’intorno
Fino al tropico del capricorno
Se giriamo ancora un po’ di più
Il tropico del cancro è poco più su
Girotondo girotondo
Gioco un po’ poi mi nascondo
Girano con noi anche gli animali
In tundre, savane e foreste pluviali
Girando saremo un po’ accaldati
Se nei deserti ci siamo trovati
Giriamo invece infreddoliti
Se ai nostri poli siamo finiti
Girotondo girotondo
Gira la terra come un mappamondo
Gira e abbraccia con amore
La lunga linea dell’equatore
Girano gli uomini, gira la gente
In ogni città, stato e continente
Girano popoli di vari colori
Stiamo uniti per allontanare i dolori
Girotondo girotondo
Portiamo rispetto fino in fondo
Girano e meritano tutte attenzioni
Le etnie, le razze le religioni
Gira gira ad oltranza
Ogni tradizione, costume ed usanza
Girando intoniamo musiche e canti
E rispettiamoci tutti quanti
Girotondo girotondo
Quanto è bello il nostro mondo.

La Terra

Testo di: Marzia Mistretta

La terra è una palla rotonda e verdeggiante,
ma sta perdendo il suo colorito
e si stanno spegnendo pian pianino
gli alberi vicino.
A causa di uno smog pernicioso e aggressivo
i bambini non possono più giocare nel giardino,
e se ne vanno scontenti e con un broncio lungo tutto il giorno.
Bisogna cambiare rotta,
perché la terra ritorni in forma
con i suoi uccellini che cantano la loro melodia
e i fiori con la faccina allegra
che riempiono e danno felicità
a un terra straziata a volontà.

La Terra dallo Spazio

Testo di: Luigi Finucci

Come una palla in una stanza
la Terra nello spazio rimbalza
intorno al Sole lei si specchia
e l’ uomo piano piano invecchia.
È divisa in continenti
meno male che ci sono i venti
poi ecco montagne e laghi
son legati con degli spaghi,
non sono spaghi, sono i fiumi
serviranno dei costumi
dritti dritti in mezzo al mare
è proprio l’ora di nuotare
ma se dall’astronave vedo la Terra
i miei occhi fanno la guerra
a bocca aperta io rimango
e di gioia io piango.

Amiamo la Terra

Testo di: Teresa Barbone

Non c’è bisogno di una scienza
per vivere bene sulla Terra
solo rispetto amore e pazienza.
Se le sue dimensioni vuoi calcolare
il giro in tondo non ci tocca fare
ma una cartina consultare.
La terra è formata da continenti
il sole sorge a Oriente e tramonta a Occidente.
Chi studia la fisica è un geofisica.
Se vogliamo sapere che tempo farà
guardiamo il Meteo e ce lo dirà.
Per tutti noi però è importante
rispettare l’ambiente sottostante
Madre Terra un regalo ci farà
un futuro pulito e migliore ci darà.

Volete segnalarci delle altre poesie sulla Terra? Inviatele via mail e saremo felici di pubblicarle.