×
Home Cuorfolletto Creative Shop Educazione positiva Schede didattiche Storie Disegni da colorare Feste e giornate Filastrocche Giochi Lavoretti Nomi maschili Nomi femminili Frasi e aforismi Buongiorno Buonanotte Auguri Chi siamo Pubblicazioni Contatti Privacy policy

Animali velenosi

Sapete quali sono gli animali più velenosi del mondo? Scopritelo insieme a noi, tuffandovi nel mondo sinistro e al tempo stesso affascinante degli animali velenosi.

Animali velenosi

Vespa di mare

Nome scientifico: Chironex fleckeri

Questa piccola cubomedusa è la specie di medusa più pericolosa del mondo. Il suo veleno provoca un dolore estremo: nonostante esista un antidoto, spesso chi viene colpito dai suoi tentacoli urticanti non riesce a raggiungere la riva per chiedere aiuto. La vespa di mare causa ogni anno decine di morti. Per fortuna, vive lungo le coste dell’Australia e del Sud-Est asiatico.

Rana freccia

Nome scientifico: Phyllobates terribilis

La rana freccia è considerata l’animale più velenoso del mondo. È sufficiente 0,1 mg del suo veleno per uccidere un uomo adulto. Fin dall’antichità, i popoli nativi delle Ande strofinano la punta delle loro freccie sul dorso di questi piccoli anfibi per trasformarle in armi letali. Non esiste un antidoto contro la tossina prodotta da questa rana.

Taipan dell’interno

Nome scientifico: Oxyuranus microlepidotus

Questo serpente è considerato il rettile terrestre più velenoso del mondo. La quantità di veleno che inietta con un morso è sufficiente a uccidere 100 uomini. Fortunatamente è un serpente timido, che preferisce la fuga all’attacco. Se lo mettete alle strette però, non tornerete indietro per raccontarlo.

Serpente bruno orientale

Nome scientifico: Pseudonaia textilis

Il veleno di questo rettile è in grado di uccidere un uomo adulto. A differenza del timido taipan, il serpente bruno orientale ha un’indole piuttosto aggressiva ed è tristemente noto per inseguire le sue vittime strisciando ad alta velocità.

Ragno errante del Brasile

Nome scientifico: Phoneutria nigriventer

Conosciuto anche come ragno delle banane, questo spiacevole aracnide possiede un veleno capace di uccedere un uomo e ha causato molte vittime nel corso degli anni. Per fortuna, i biologi sono riusciti a mettere a punto un antidoto al suo veleno e negli ultimi anni non si sono registrate altre vittime. Il suo morso è estremamente doloroso.

Pesce pietra

Nome scientifico: Synanceia verrucosa

Il pesce pietra possiede il veleno più potente tra i pesci finora conosciuti. La vita di chi calpesta le sue spine è seriamente in pericolo. Fortunatamente esiste un antidoto che disattiva la sua cardiotossina… a patto di essere soccorsi per tempo.

Lumaca sigaretta

Nome scientifico: Conus geographus

Questa lumaca marina possiede una proboscide che può sparare un aculeo intriso di un veleno letale. Non esiste antidoto al suo veleno: a chi viene colpito dal suo arpione resta appena il tempo di fumare una sigaretta, prima di passare all’altro mondo. Fortunatamente si tratta di un animale piuttosto schivo: un incontro ravvicinato con la lumaca sigaretta è piuttosto improbabile, a meno che non andiate a cercare questo temibile animaletto nel Mar Rosso e nell’Oceano Indo-Pacifico.

Vipera di Russell

Nome scientifico: Daboia russelii

La vipera di Russell detiene il poco invidiabile primato di animale velenoso che causa il maggior numero di morti ogni anno. Questo rettile vive nei paesi del Sud-Est asiatico e spesso si spinge nelle periferie dei centri abitati e nei campi coltivati. Il suo veleno causa emorragie, aritmie cardiache e un forte dolore nella zona del morso; se non si somministra un antidoto, i sintomi peggiorano fino a causare la morte, che può avvenire fino a due settimane dopo il morso.

Mamba nero

Nome scientifico: Dendroaspis polylepis

Il mamba nero ha una fama sinistra dovuta al fatto che il suo veleno è in grado di uccidere un uomo in pochi minuti. Questo serpente è piuttosto aggressivo ed è in grado di strisciare fino a 20 km/h: due buone ragioni per stargli alla larga. È sufficiente un morso per provocare forti dolori, paralisi muscolare, vomito, nausea e infine la morte.

Curiosità sugli animali velenosi

Ecco qualche curiosità sugli animali velenosi:

  • I serpenti velenosi sono gli animali che causano il maggior numero di vittime ogni anno: secondo la Global Snakebite Initiative ogni anno muoiono oltre 138.000 persone a causa del morso di questi rettili e molte altre subiscono gravi conseguenze. La fondazione ha calcolato che ogni giorno 7500 persone in tutto il mondo vengono morse da un serpente velenoso (5 milioni ogni anno!). Il maggior numero di incidenti avviene nei paesi del Sud-Est asiatico, in aree rurali densamente popolate da uomini e serpenti.
  • Il numero di morsi di serpente aumenta ogni anno ed è destinato a crescere ancora: l’aumento della popolazione nei paesi del Sud-Est asiatico e dell’Africa e il riscaldamento globale rendono più probabile lo spiacevole incontro tra uomini e serpenti. Alcuni scienziati ritengono che il veleno dei serpenti diventerà sempre più letale, per avere la meglio sull’uomo. Mito o realtà? Lo scopriremo tra qualche secolo!
  • I ragni, invece, causano poche vittime ogni anno: anche se il loro morso può essere molto doloroso, difficilmente le conseguenze sono letali.
  • La vista di un serpente o di un ragno suscita paura e disgusto nella maggior parte degli esseri umani e nelle scimmie: si tratta di un meccanismo genetico che abbiamo ereditato dai nostri antenati per evitare spiacevoli incontri con questi animali velenosi.
  • Alcuni animali si mimetizzano imitando i colori e la forma di specie velenose per allontanare i potenziali predatori. È il caso del serpente da latte, che imita il pericoloso serpente corallo, ma è innocuo! Questa forma di mimetismo si chiama mimetismo batesiano.

Tag: animali velenosi, animali più velenosi del mondo, classifica degli animali più velenosi del mondo

Non avete trovato il contenuto che stavate cercando? Chiedetecelo: ogni mese realizziamo i materiali più richiesti dai lettori! Ecco il modulo per le nuove richieste: Chiedi un contenuto.

Iscrivetevi alla Newsletter o al canale Telegram per ricevere gli ultimi aggiornamenti dal sito.