Combattere l’apatia: riscopriamo la motivazione

Un mondo senza passioni

Bambini che non hanno voglia di giocare; bambini che non hanno voglia di studiare. Persone che vivono senza passioni e senza interessi. L’apatia è un problema del nostro mondo tanto quanto la frenesia.

L’apatia è la mancanza di reazioni emotive di fronte a una fonte di motivazione, ovvero uno stato di indifferenza nei confronti del mondo e dei suoi stimoli. Apatia non è depressione, in quanto l’apatico non sperimenta malessere psicologico per via della sua condizione.

Nel mondo ci sono sempre più bambini e genitori apatici. E’ un problema?

Riscopriamo la motivazione per vincere l’apatia

“I ricercatori hanno annunciato di aver finalmente trovato una cura per l’apatia. Purtroppo i pazienti non sembrano interessati.”

George Carlin

Per vincere l’apatia, dobbiamo riscoprire le motivazioni. Sin da bambini riceviamo mille stimoli, fino a rimanerne frastornati. Questo ci porta a due risultati: il primo, di fronte al troppo, va a finire che scegliamo il nulla. Secondo: viviamo senza mai scoprire cosa ci piace davvero.

Abbiamo cercato le soluzioni migliori per rivitalizzare la motivazione dei nostri bambini. Questi sono i nostri spunti:

  • Aiutiamo i bambini a scoprire cosa li appassiona. Senza obblighi e senza angosciarci; spesso sono loro stessi a chiedere e mostrarsi curiosi.
  • Non scegliamo noi per loro. Lasciamo che i bambini possano esplorare e seguire le proprie passioni.
  • Diamogli occasioni di confrontarsi con altri bambini che hanno le stesse passioni. Questo è anche un buon modo per socializzare, proprio come i bambini felici di una volta. Fare in compagnia è molto meglio che fare.
  • Insegniamogli a porsi degli obiettivi e delle sfide; senza esasperarle. Se non c’è competizione non c’è motivazione, ma senza esagerare. La sfida più grande è con se stessi.
  • Tempo libero: alla mente servono dei momenti di vuoto e di noia per poter rielaborare quello che sta facendo. Nel tempo libero diamo forma a noi stessi e facciamo un po’ di ordine mentale.

E se fossero mamma e papà ad essere un tantino apatici?

Succede. I ritmi di vita frenetici e la mancanza di tempo per sé stessi sono la causa principale di apatia in età adulta. Cosa fare in questo caso?

Prima di tutto: dovete prendervi del tempo per le vostre passioni. Cominciate con 15 minuti al giorno. Poi passate a 30. Se avete i bimbi per casa, abbiamo scritto una guida dedicata ad alcuni giochi che li tengono impegnati mentre voi fate altro. Anche la sabbia cinetica funziona bene allo scopo: sono giochi che stimolano i sensi e li fanno concentrare.

Una buona soluzione è scegliere un obiettivo (qualcosa che avreste voluto fare da bambini, una lingua da imparare, un libro da leggere) e un tempo limite per raggiungerlo.

Riscoprite l’empatia: emozionatevi ed emozionate, nelle piccole cose. Riscoprite un hobby, cucinate, prendetevi cura delle piante o dell’acquario. Impegnatevi ad essere d’esempio per i bambini, a fare tutto con entusiasmo.

#PROVIAMOCI!