Leggere non è solo un modo per migliorare le proprie competenze linguistiche: secondo uno studio dell’Università del Sussex, bastano 6 minuti di lettura al giorno per ridurre del 68% i livelli di stress, ottenendo un notevole beneficio psicofisico.
Gli psicologi hanno testato l’efficacia di varie azioni considerate utili per ridurre lo stress: ascoltare musica, passeggiare e sorseggiare una tazza di te. La lettura ha dimostrato di superarle tutte.

Il dottor David Lewis, che ha diretto la ricerca, sostiene che “perdersi nella lettura di un libro sia una forma potente di rilassamento“, in modo non dissimile da quello che avviene praticando la mindfulness. Non importa la natura del libro o il suo contenuto: l’importante è che sia coinvolgente per il lettore e che riesca a distrarlo dalla realtà, alterando il suo stato di coscienza. Infatti, i benefici della lettura non derivano dalla semplice distrazione: leggere prevede il coinvolgimento attivo della mente, attraverso un processo creativo.
Questo effetto benefico si aggiunge a tante altre virtù e qualità della lettura: un’abitudine benefica che andrebbe incentivata in tutte le case del mondo.

FONTI

Pin It on Pinterest