Parlare di album fotografici nell’era del digitale appare quantomeno démodé, se non proprio obsoleto. Le immagini restano custodite nella memoria di smartphone, sul desktop del pc o, nel caso migliore, scaricate in dvd da riguardare sullo schermo. Sicuramente la tecnologia ha i suoi vantaggi, ma il fascino di sfogliare con calma un album delle foto resta indiscutibile.

Eppure digitale e cartaceo possono andare d’accordo e diventare un modo per stimolare la creatività. Come? E’ semplice: con lo scrapbooking, il collage foto che abbina le immagini a decorazioni e disegni, creando poster ed album fotografici unici. Si tratta di una tecnica che nasce nell’Ottocento, proprio con lo sviluppo delle prime tecniche fotografiche. La parola significa “album dei ritagli”, perché proprio di questo si tratta: una tecnica che abbina disegni, fotografie e decorazioni.

I primi esempi li troviamo in Inghilterra, nel XV secolo, quando ancora le foto non esistevano, ma in compenso era molto in auge conservare lettere, poesie e memorie varie. Nel tempo questa tecnica si arricchì con le fotografie, sviluppandosi prevalentemente negli Stati Uniti, dove è tutt’oggi molto diffusa ed utilizzata per feste e ricorrenze (oltre ad album e poster si possono realizzare inviti e biglietti di auguri personalizzati).

Come si realizza un collage foto, con un pizzico di tecnologia

Premettiamo che un collage di foto può essere bellissimo anche senza ricorrere allo scrapbooking. In questo senso ci vengono incontro le tecnologie, che oggi permettono di combinare foto, creare effetti speciali, fare ritocchi quasi professionali, attraverso l’utilizzo di diffusissime app come Instagram o Enlight.

Noi come sempre siamo dell’avviso che si debba prendere il meglio di tutto: in questo caso la tecnologia può essere la base di partenza per ritoccare le foto, giocare sugli effetti, procedendo poi alla stampa e alla personalizzazione in cartaceo. Non è un passaggio obbligato: le foto possono essere bellissime “al naturale”.

App per collage fotografici

Qui vi forniamo qualche suggerimento su software e app per lavorare le foto rendendole un collage. Dopodiché, passeremo alla fase che ci piace di più, ovvero il vero e proprio collage fotografico attraverso lo scrapbooking. Come dicevamo, noi preferiamo procedere in cartaceo, ma nulla vieta di provare soluzioni differenti e, magari, abbinarle.

Instagram: attraverso la specifica funzione layout permette di selezionare ed abbinare foto in un mini poster scaricabile e stampabile.

Shape Collage: è un altro software gratuito, su Windows e su MacOS, per realizzare composizioni di immagini partendo da sagome predefinite, come cuori, rettangoli, cerchi, etc …

Infine, ma ce ne sono molti altri se cercate in rete, vi segnaliamo CollageIt, anche in questo caso disponibile per Windows e MacOS e facilmente utilizzabile.



Cosa serve per fare lo scrapbooking

Se siete curiosi di provare a realizzare il vostro album o poster cartaceo di foto, decorandolo con ciò che la fantasia vi suggerisce, recuperate come prima cosa i materiali che vi serviranno. Qui trovate un breve elenco, per essere certi che non manchi nulla:

Per realizzare la base del collage: cartoncini di diversi colori, formati e spessori, servono a comporre lo sfondo dello scrap.
Recuperate anche carta da regalo, carta da riso, e volendo, anche la carta delle riviste o dei depliants pubblicitari: serviranno a creare motivi e ritagli personalizzati.

Per scrivere frasi o disegnare: vanno benissimo i pennarelli, anche ad acqua; per ulteriori decori potete usare i glitter e le penne in rilievo.

Per tagliare e fissare le immagini: colla (stick va benissimo), forbici, righello, scotch, taglierino.

Per decorare: sbizzarritevi con piccoli oggetti per abbellire il collage: vanno benissimo bottoni, perline, ciondoli, pizzi, nastri, fermacampioni, brillantini, passamaneria, ma anche materiali naturali come sassolini, piccole conchiglie, legnetti, fiori essiccati, sabbia. Un modo per organizzare fantastiche esplorazioni al mare o in montagna alla ricerca dei materiali per rendere ancora più speciali i nostri ricordi.

Le misure di un album: è molto importante scegliere il formato delle foto e stabilire almeno in linea di massima il numero di pagine dell’album e le dimensioni. Solitamente gli gli album possono essere 30×30 cm, 20×20 cm, ma anche sagomati e con misure variabili. I principianti possono partire da fogli spessi o cartoncini A4, da conservare in raccoglitori ad anelli.

Come fare un collage foto con lo scrapbooking

La prima cosa da fare è scegliere il tema che guiderà la nostra narrazione per immagini: le vacanze, le foto di famiglia, gli hobby, qualsiasi argomento stuzzichi la nostra immaginazione. Visto che siamo in piena estate, vi suggeriamo di partire proprio dalle vacanze e di approfittare della ricchezza di mare o montagna per fare scorta di materiali naturali che potrebbero andare ad arricchire il vostro album.

Individuato il tema, scegliete lo stile e i colori per lo sfondo, lasciandovi guidare dal gusto personale. Nello scrapbooking, il collage prevede una mascherina di fondo, che può essere realizzata a mano o stampata. Si procederà poi a incollare le foto e i decori.

Organizzate la narrazione: scegliete quali e quante foto posizionare in ogni pagina, avendo l’accortezza di lasciare lo spazio per il titolo ed il journaling, cioè i testi che andrete ad inserire: vi consigliamo di lasciare degli spazi o di applicare ritagli bianchi qua e là per i vostri appunti, commenti, dediche o semplicemente per fissare luogo e data. E’ il modo migliore per raccontare la vostra storia e, un domani, viverla insieme in famiglia. Un’idea interessante e realizzabile grazie al contributo di genitori e bimbi, è lo studio di una sorta di story line, con una cronologia. Sarà in questo modo molto più facile anche aggiungere i contributi scritti che possono essere anche strofe delle canzoni dell’estate, frasi che ci hanno fatto sorridere, etc …

Collage foto: perché realizzarli con i bambini

Assemblare un poster e decorarlo, o realizzare un album delle vacanze, è uno splendido progetto da realizzare d’estate insieme ai bambini.
Permette di lasciar libera la fantasia, di unire elementi secondo la propria visione del mondo e di lavorare sul ricordo. Al di là dell’aspetto ludico e creativo, lavorare con le foto ha una valenza ancora più profonda: focalizzare l’attenzione sulla dimensione del ricordo. Ricordare non vuol dire soltanto memorizzare, fissare nella memoria, ma lavorare sulla nostra parte emotiva e costruire, attraverso il passato, il nostro presente.

L’esperienza del ricordo, bello o brutto che sia, ci permette di tornare quando ne sentiamo il bisogno a luoghi a noi cari, agli affetti, a passaggi che hanno arricchito la nostra vita. Rivedere il passato, senza ancorarsi ad esso, serve a insegnarci il flusso, la narrazione: a raccontare, per crescere. Ecco perché ci sembra bello riuscire a trovare, partendo dall’estate, un po’ di tempo per lavorare con i bambini sui collage di foto, usando la creatività per lavorare sui ricordi.







Libri su collage foto e scrapbooking

Se cercate qualche idea per lavorare insieme ai bimbi ed ispirarvi, vi segnaliamo Corso rapido di Scrapbooking; un albo per prendere confidenza con le basi e lanciarsi poi con i propri progetti creativi. Se invece cercate la carta colorata per lo scrapbooking, potete trovarla qui.

a cura di Alessia de Falco 

   

Pin It on Pinterest