demetra e persefone mito

IL MITO DI DEMETRA E PERSEFONE (o IL RATTO DI PERSEFONE)

Persefone era una dea, figlia di Zeus e di Demetra, divinità del raccolto e dell’abbondanza. Aveva l’aspetto di una bella fanciulla che trascorreva le sue giornate giocando e cantando tra i fiori. Era così bella da essere desiderata da più di una divinità. Un giorno, mentre passeggiava in un campo, la terra tremò e si aprì. Dallo squarcio uscì Ade, il dio degli Inferi (fratello di Zeus), che si era innamorato di Persefone a tal punto da rapirla. Ade prese sulle spalle la fanciulla, poi tornò nel suo regno sotterraneo. Quando Demetra si accorse della scomparsa della sua figlia prediletta, la cercò in lungo e in largo; chiese anche l’aiuto di Zeus, che però non disse nulla riguardo alle azioni sconsiderate di suo fratello Ade.

Per nove giorni Demetra cerò Persefone. Poi, decise di rivolgersi a Elio, il dio del Sole, che tutto sa e tutto vede; Elio le rivelò la verità: Persefone si trovava nel regno sotterraneo di Ade. La collera di Demetra fu terribile: sdegnata per il tradimento dei suoi stessi fratelli, scese dall’Olimpo e si nascose sulla Terra; la sua vendetta fu tremenda: la terra smise di dare frutti e le piante, avvelenate, morirono. Dopo qualche tempo, la situazione si era fatta insostenibile e Zeus scese negli Inferi, per trattare con Ade e mettere fine all’ira di Demetra.

Ade propose una soluzione: avrebbe riportato Persefone sulla Terra, a patto che ella non avesse mangiato alcun cibo proveniente dal mondo degli Inferi. In realtà, si trattava di un tranello: poiché Persefone, dal momento del rapimento, non aveva più toccato cibo, Ade la liberò, ma prima la invitò a festeggiare il suo ritorno nel mondo dei vivi mangiando un melograno. La ragazza accettò e l’inganno fu compiuto. L’ira di Demetra non si placò e Zeus fu costretto a trovare un’altra soluzione: dal momento che Persefone non aveva mangiato un frutto intero, ma solo metà del melograno offertole da Ade, sarebbe tornata dalla madre per sei mesi; per i restanti sei, invece, sarebbe rimasta col suo sposo nel regno degli Inferi.

La proposta fu accettata sia da Ade che da Demetra. Da quel giorno, nei mesi in cui Persefone si trova sulla terra con la madre le piante germogliano e i campi danno frutti, mentre i mesi in cui la fanciulla soggiorna negli Inferi la terra si spoglia e si addormenta. Nacquero così le quattro stagioni: primavera ed estate, autunno ed inverno.

APPROFONDIMENTI SUL MITO

Il mito di Demetra e Persefone è un classico esempio di mito eziologico: si tratta di una narrazione che ha lo scopo di spiegare l’alternanza delle stagioni. Per approfondire il mito come genere letterario e le sue funzioni, ti invitiamo a leggere la nostra guida al mito.

Pin It on Pinterest