Risolvere i problemi con le domande aperte

problem solving per bambini domande aperte

In questo articolo ci focalizzeremo su una semplice tecnica che possiamo usare per aiutare i bambini a sviluppare le proprie abilità di problem-solving: le domande aperte. Possiamo introdurre questa tecnica tra i 5 e i 7 anni di età.

Le domande aperte sono domande che non hanno un’unica risposta esatta e alle quali non possiamo rispondere semplicemente “sì” o “no”. Queste domande sono particolarmente utili perché ci aiutano ad approcciare i problemi da più angolazioni differenti.

Potete fare delle domande aperte mentre i bambini cercano di risolvere un problema, soprattutto se incontrano un ostacolo che non riescono a superare da soli. In questo modo li aiuterete ad esercitare le competenze di problem-solving e in particolare la capacità di guardare il problema da più angolazioni diverse.

Esempi di domande aperte orientate alla soluzione di un problema:

  • Cosa potrebbe succedere se… ?
  • Da dove partiresti per risolvere questo problema?
  • Come potrei aiutarti?
  • Qual è la parte più difficile?
  • Che tentativi potresti fare per… ?

Esempi di domande aperte dopo aver risolto (o non risolto) un problema:

  • Cosa hai imparato?
  • Qual è stata la parte più difficile?
  • Proveresti qualcosa di diverso la prossima volta?

Queste domande non hanno una risposta giusta o sbagliata e permettono di imparare lezioni preziose a partire da un successo o da un fallimento. Anche gli insuccessi – soprattutto gli insuccessi – hanno qualcosa da insegnarci.

Cos’è il problem solving? Con questo termine ci riferiamo alla capacità di affrontare e risolvere problemi semplici e complessi. Si tratta di una competenza che rientra tra le cosiddette “life skills”, ovvero le competenze trasversali indispensabili nella vita di tutti i giorni.

Letture consigliate:

Brunello il pipistrello è il volume n. 1 della biblioteca del Cuorfolletto ed è una storia centrata proprio sul problem-solving: per tornare a casa sano e salvo questo giovane pipistrello dovrà dare fondo alla sua astuzia e alla creatività. Se volete sperimentare il problem-solving con i vostri bambini stimolando il pensiero divergente in un contesto giocoso, questo libro fa al caso vostro.

Brunello vuol fare una gita nel prato.
Riuscirà a evitare i pericoli in agguato?
Un’avventura in rima per piccoli lettori:
leggetela da soli o coi vostri genitori.

Un albo illustrato per stimolare il pensiero divergente. Con tre giochi creativi e sottotitoli emotivi per i più piccoli. Età di lettura: da 3 a 8 anni.

Iscrivetevi alla newsletter per ricevere ogni settimana le nostre risorse per bambini e le novità dal mondo dell'educazione positiva. Cliccate qui! Oppure unitevi al Gruppo Telegram per ricevere lì gli aggiornamenti.