Filastrocche di febbraio

In questa sezione potete trovare tante filastrocche di febbraio che abbiamo raccolto per voi.

Indice delle filastrocche di Febbraio

  1. Febbraio (testo di: Monica Sorti)
  2. Ninna nanna di febbraio (testo di: Eleonora Callegari)
  3. Febbraio (testo di: Roberto Piumini)
  4. Febbraio (testo di: Vincenzo Cardarelli)
  5. Non è ancora primavera (testo di: Ada Negri)
  6. Febbraio (testo di: Gianni Rodari)
  7. Sera di febbraio (testo di: Umberto Saba)
  8. Voli (testo di: Antonia Pozzi)
  9. Febbraio (testo di: Renzo Pezzani)
  10. Violette di febbraio (testo di: Ada Negri)

Leggete anche: Filastrocche di Carnevale

filastrocche di febbraio

Filastrocche di febbraio

Febbraio

Testo di: Monica Sorti

‪Arriva tutta allegra la Fata di Febbraio‬
e dice alle sorelle “Il mio è il mese più gaio”.
La bricconcella anche quest’anno ha deciso
di presentarsi con la maschera sul viso.
Lancia coriandoli e stelle filanti,
danza per strada intonando dei canti,
dietro di lei, su allegorici carri,
indossano tutti costumi bizzarri.
Nella sua borsa, con le caramelle,
ci sono chiacchiere, ci son frittelle.
Dice: “Se scherzo non prenderla male,
son la principessa del Carnevale
Porto l’amore, è il mio destino,
son la regina di San Valentino.
Ma c’è una cosa che non sopporto:
mi è capitato il mese più corto”.

Ninna nanna di febbraio

Testo di: Eleonora Callegari

Ninna nanna febbraiola
Ancora trema l’aiola
Per strada hanno scoppiato le castagnette
E suonato le gaie trombette
Hanno sfilato le mascherine
Super eroi, principesse e fatine
È arrivato danzando il Carnevale
Profuma di frappe e di frittelle
Getta coriandoli e stelle filanti
Ed i bambini sono tutti festanti.
Ora la notte spegne la festa
E di sonni ti porta una cesta
Dormi, dormi mascherina
Ci vediamo domattina.

Febbraio

Testo di: Roberto Piumini

Chissà perché l’han fatto così corto,
il più corto di tutti, a ben contare:
che abbiano voluto fargli un torto
per il suo freddo, che è quasi polare?
È freddo, sì, e non ci porta fiori
(però, non lo sentite, il Calicanto?),
ma ha dentro allegria, molti colori,
la voglia di risate, e aria di canto.
Non è Febbraio, forse, in quel costume,
che corre fra coriandoli arlecchini,
fra strisce-arcobaleno e strilli e piume,
e dietro un trotto fresco di bambini?
Non gioca ad imitare quella vera,
con la sua fioritura mascherata?
Anche se non è ancora Primavera,
non è, la Festa, una stagione amata?

Febbraio

Testo di: Vincenzo Cardarelli

Febbraio è sbarazzino.
Non ha i riposi del grande inverno,
ha le punzecchiature,
i dispetti
di primavera che nasce.
Dalla bora di febbraio
requie non aspettare.
Questo mese è un ragazzo
fastidioso, irritante
che mette a soqquadro la casa,
rimuove il sangue, annuncia il folle marzo
periglioso e mutante.

Non è ancora primavera

Testo di: Ada Negri

Primavera? Siamo ai primi di febbraio
e ancora ne ha da cadere, di neve:
ancora pungere di freddo.
Pure, adesso che ci penso
e mi guardo meglio in giro,
l’annuncio della primavera non è solo
sulla bocca della fioraia
lasciata all’angolo della strada.
Forse nelle nubi, forse nel vento;
o nell’erba de’ giardinetti che hanno
il cancello sul marciapiede:
o fra le connessure delle pietre:
ma, insomma, è.
Gioca con me a nasconderello:
dove si apparti non potrei dire
né donde sbuchi per tornare a rintanarsi;
non dice, promette e poi fugge.

Febbraio

Testo di: Gianni Rodari

Febbraio viene a potare la vite
con le dita intirizzite:
è senza guanti ed ha i geloni
e un buco negli zoccoloni.

Sera di Febbraio

Testo di: Umberto Saba

Spunta la luna.
Nel viale è ancora
giorno, una sera che rapida cala.
Indifferente gioventù s’allaccia;
sbanda a povere mete.
Ed è il pensiero
della morte che, infine, aiuta a vivere.

Voli

Testo di: Antonia Pozzi

Pioggia pesante di uccelli
su l’albero nudo:
così leggermente vibrando
di foglie vive
si veste.
Ma scatta in un frullo
lo stormo,
l’azzurro Febbraio
con la sera
sta sui rami.
È gracile il mio corpo,
spoglio ai voli
dell’ombra.

Febbraio

Testo di: Renzo Pezzani

Pioggia pesante di uccelli
su l’albero nudo:
così leggermente vibrando
di foglie vive
si veste.
Ma scatta in un frullo
lo stormo,
l’azzurro Febbraio
con la sera
sta sui rami.
È gracile il mio corpo,
spoglio ai voli
dell’ombra.

Febbraio

Testo di: Renzo Pezzani

Il sol ruppe la neve e alla costiera
in quel giorno brillò la prima volta
un mite verde. Ed ecco, il cuore ascolta
l’uccello che promette primavera.
Respira già quest’aria cristallina
nascosta dalle foglie macerate,
la mammola. Viole son nate
nel sol di quest’angelica mattina.

Violette di Febbraio

Testo di: Ada Negri

Anche quest’ anno andrai per le violette
lungo la proda, nel febbraio acerbo.
Quelle pallide, sai, che han tanto freddo,
ma spuntano lo stesso, appena sciolte
l’ultime nevi; e fra uno scroscio e un raggio
ti dicono: “Domani è primavera!”.
Una voce ti chiama alla campagna:
e vai; e i piedi ti diventan ali,
sì alta è la promessa ch’è nell’aria.

Vi sono piaciute le filastrocche di febbraio che abbiamo selezionato per voi?

I nostri video: