GINNASTICA ALLA SCUOLA PRIMARIA? ECCO IL DISEGNO DI LEGGE

Educazione motoria alla scuola primaria? Presto potrebbe essere realtà. Marco Marin, campione olimpico e senatore, ha già predisposto un disegno di legge, che al momento è all’esame della Camera.

L’Onorevole Luigi Gallo, presidente della VII Commissione Cultura della Camera, ha dichiarato che le  “scuole primarie devono essere luoghi di movimento per i bambini e troppo spesso invece i nostri fanciulli sono bloccati ai loro banchetti e seduti per ore mortificando crescita, cura, benessere sia psichico che fisico, e soprattutto apprendimento. Si perché ormai tutte le ricerche scientifiche dimostrano come l’attività motoria, esperienziale , tattile, di immersione nella realtà potenzia a dismisura l’apprendimento e il nostro cervello con stimoli coinvolgenti, riempiendo di conoscenze e saperi il nostro cuore come la nostra mente.

Il ddl Marin, grazie anche al Ministro dell’Istruzione Marco Bussetti (ex docente di scienze motorie), potrebbe trovare terreno fertile e diventare realtà già nei prossimi anni.

Al momento, l’educazione motoria alla scuola primaria è relegata ad una sola ora settimanale (con l’eccezione degli istituti che hanno adottato una programmazione diversa), senza un docente titolare adeguatamente preparato. Certo, accanto al riconoscimento dell’importanza della ginnastica bisognerà anche dotare tutte le scuole primarie di una palestra adeguata. Molti istituti, infatti, ne sono sprovvisti o hanno palestre inagibili.

Questa piccola rivoluzione, a nostro avviso, è necessaria: la valenza formativa dello sport è enorme e questo non può essere delegato interamente alle famiglie. La scuola dovrebbe avere il compito di offrire a tutti solide basi del movimento e della ginnastica, lasciando poi alle famiglie la libertà di scegliere le attività sportive più adeguate ai propri figli.