I numeri romani

1. I numeri romani

Nell’antica Roma i numeri non venivano scritti utilizzando le cifre arabe, come facciamo noi, ma con il sistema di numerazione romano. I numeri romani sono sequenze di lettere che, nel loro insieme, identificano un numero.

1.1 I numeri principali

Ecco le lettere principali del sistema di numerazione romano e il loro valore:

  • I: 1
  • V: 5
  • X: 10
  • L: 50
  • C: 100
  • D: 500
  • M: 1000

1.2 Come formare gli altri numeri

Come abbiamo visto esistono sette lettere che permettono di esprimere sette numeri “fondamentali”. Ma come possiamo scrivere tutte le altre quantità utilizzando i numeri romani?

Per farlo dobbiamo scrivere uno accanto all’altro i numeri, che verranno sommati fino a raggiungere il numero che vogliamo ottenere. Tuttavia, non possiamo scrivere più di tre lettere uguali una accanto all’altra.
Ecco alcuni esempi:

  • 2 = II (uno + uno)
  • 3 = III (uno + uno + uno)
  • 4 = IV (cinque – uno)
  • 6 = VI (cinque + uno)
  • 7 = VII (cinque + due)
  • 8 = IIX (dieci – due)
  • 9 = IX (dieci – uno)
  • 11 = XI (dieci + uno)
  • 12 = XII (dieci + due)
  • 13 = XIII (dieci + tre)
  • 14 = XIV (dieci + quattro)
  • 15 = XV (dieci + cinque)
  • 16 = XVI (dieci + sei)
  • 17 = XVII (dieci + sette)
  • 18 = XVIII (dieci + otto)
  • 19 = XIX (dieci + nove)
  • 20 = XX (dieci + dieci)

Ecco alcuni esempi con numeri più grandi:

  • 1550 = MDL (mille + cinquecento + cinquanta)
  • 1900 = MDCD (mille + cinquecento + quattrocento)

2. Schede didattiche

Cliccate sulle schede qui sotto per stamparle.